La Triestina archivia la pratica Fermana, al Rocco è tutto facile

Ottima prestazione collettiva con Mensah sugli scudi. Buona la gara anche di Rizzo e Giorico. Mercoledì trasferta a Gubbio per recuperare la nona giornata di andata

Dopo la sconfitta maturata in riva al Garda contro la Feralpi Salò e orfana di Gautieri in panchina, la Triestina schiera lo stesso undici rispetto alle ultime gare tranne per quanto riguarda la linea mediana dove Giorico prende il posto di Calvano e Tartaglia sull’esterno destro a sostituire Rapisarda. Per il resto confermata la linea difensiva e il tridente d’attacco con Gomez e Mensah davanti al trequartista Petrella.

Dopo meno di due minuti è subito Triestina. Tartaglia si fa vedere in attacco sul lato destro e col mancino mette al centro uno spiovente che trova l’accorrente Giorico che scaraventa sotto la traversa della porta difesa da Ginestra. È il vantaggio alabardato. Al 7’ è di nuovo l’Unione a rendersi pericolosa con Rizzo che serve Petrella che con una finta libera Mensah. L’occasione dentro l’area è ghiotta ma l’attaccante alabardato spreca calciando alto. Un minuto dopo è Offredi a superarsi su una bella staffilata dai 20 metri di Mordini. Passano dieci minuti e Giorico non si capisce con Brivio ed innesca il contropiede fulmineo di Boateng che gestisce malissimo la ripartenza senza rendere pericolosa l’offensiva dei marchigiani. Verso la metà della prima frazione la Triestina arretra di qualche metro e preferisce giocare di rimessa, lasciando così spazio alla manovra ospite.

Al 27’ è Mensah a rubare furbescamente palla all’ingenuo Manetta e a portarsi sulla linea di fondo dopo averlo bruciato sul tempo. L’attaccante alabardato mette al centro un assist al bacio che Petrella, dopo aver sfruttato il velo di Gomez, insacca alle spalle di Ginestra. È il meritato raddoppio dei greghi. Il primo tempo si spegne così, tra un’Unione brava a sfruttare (quasi) tutte le occasioni e una Fermana che non riesce ad imprimere ritmo alla gara.

Mensah il migliore in campo: leggi le pagelle

La ripresa

Il secondo tempo si apre con la doccia fredda del goal degli ospiti. De Pascalis sfugge a Calvano (che preferisce non commettere fallo da rigore in area) e fa partire un bel sinistro a giro che beffa l’incolpevole Offredi. Il blitz della Fermana però non sortisce grandi effetti visto che, sul ribaltamento di fronte, è la squadra di Gautieri ad andare sul 3 a 1 grazie ad un bel colpo di testa di Mensah (ottima la sua prova) imbeccato dal mancino di Lodi.

Gautieri cambia e al posto di Petrella fa entrare Calvano e Ligi per Lambrughi. Dopo circa un quarto d’ora è però lo stesso centrocampista a restare vittima di un infortunio che lo costringe ad uscire dal campo. Al suo posto entra Maracchi. Nel restanti minuti il senso del match non cambia, con la Fermana che cerca invano di ridurre le distanze e i greghi sempre bravi a ripartire. Tra le novità, da segnalare l'ingresso del 18enne Butti con uno spunto bello ma poco fortunato. Una bella prova di carattere quella messa in campo dalla Triestina che mercoledì sarà di scena a Gubbio per il recupero della nona giornata di andata. Strappare tre punti anche in Umbria non sarebbe poi così male. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

Torna su
TriestePrima è in caricamento