Come proteggere giardino e balcone dagli insetti, i consigli di Rentokil

Le giornate si sono allungate, le temperature sono più miti e con l'arrivo della bella stagione stanno tornando numerosi insetti, spesso capaci di appropriarsi degli spazi senza essere subito notati. Ma ecco i consigli di Rentokil, leader in servizi di disinfezione, disinfestazione e derattizzazione

Chiusi nelle proprie abitazioni a causa della pandemia causata dal diffondersi del Coronavirus chi ha balconi, terrazze e giardini ne ha approfittato per godersi un po' di relax. Le giornate si sono allungate, le temperature sono più miti e con l'arrivo della bella stagione stanno tornando numerosi insetti, spesso capaci di appropriarsi degli spazi senza essere subito notati. Proprio per questo, in modo preventivo, è importante scegliere il modo migliore per evitare problemi e disagi che possono essere causati dalle infestazioni. A tal proposito, Rentokil, leader mondiale in servizi di disinfezione, disinfestazione e derattizzazione, ha stilato una lista di 'consigli' da seguire, per evitare 'brutte sorprese'.

Zanzare e mosche

Sono gli insetti volanti, in particolare zanzare e mosche, il principale tormento della bella stagione a causa del ronzio, delle punture e della spiacevole abitudine di volare attorno a cibo e rifiuti. Sono considerati come insetti fondamentalmente innocui, anche se in realtà possono essere vettori di malattie e infezioni. È quindi molto importante fare attenzione a:

  • eseguire un’attenta e puntuale pulizia del giardino come prima protezione dagli infestanti. L’erba troppo alta, soprattutto se umida, offre riparo alle zanzare e fornisce l’habitat perfetto per deporre le uova. Inoltre, esistono anche delle piante che grazie ai propri principi attivi fungono da repellenti contro le zanzare come calendula, lavanda e citronella. L’aroma di basilico, erba gatta e menta, inoltre, sono ottimi rimedi per allontanare anche altre tipologie di insetti.

  • Eliminare l’accumulo di residui di acqua stagnante nel giardino e nei vasi. Le zanzare sono estremamente attirate da grandi quantità di liquidi e proliferano negli ambienti umidi, tanto che tendono a concentrarsi in presenza di acqua stagnante. Per evitare che depongano le uova è necessario pulire minuziosamente le grondaie e le ciotole dei propri animali domestici, e andrebbero sempre svuotati i secchi e gli annaffiatoi.

  • Mantenere in ordine i rifiuti e accertarsi di tenere i contenitori ben chiusi e lontani da porte e finestre. Evitare di lasciare cibi o avanzi a vista e chiudere sempre porte e finestre così da non attirare gli insetti in casa. Specialmente le mosche possono raccogliere sostanze contaminanti e trasmetterle poi quando si posano sui nostri piatti.

Vespe e calabroni

Parlando di vespe e calabroni, la prima cosa da fare quando si tratta di prevenzione e difesa da una possibile infestazione, è sicuramente controllare che non vi sia sul terrazzo o in giardino la presenza di nidi. All’inizio questi hanno dimensioni piuttosto contenute - come una noce o una pallina da golf - e sono più facili da trattare, quindi è fondamentale verificarne precocemente la presenza e affidarsi a degli esperti che possono trattare con rapidità ed efficacia la rimozione. Vespe e calabroni possono essere pericolose perché con il loro pungiglione provocano punture particolarmente sgradevoli e fastidiose che fanno insorgere anche reazioni allergiche. In presenza di un nido è bene ricordare:

  • di non urlare, agitare le mani e muoversi con scatti improvvisi, perché questi movimenti non spaventano le vespe, ma al contrario rischiano di innervosirle e renderle più aggressive. È importante essere prudenti e tenere lontani i bambini.

  • Stare attenti anche quando si decide di piantare, nel giardino o nei vasi sul terrazzo, fiori molto colorati e profumati, perché questi insetti sono molto attratti dal loro nettare e in particolare da colori come il bianco e il giallo.

  • Fare attenzione che nei vasi non si accumulino residui di acqua stagnante, in quanto sono spesso alla ricerca di acqua per abbeverarsi e per mantenere il loro nido alla giusta temperatura.

Nel caso invece fosse già in atto un’infestazione da parte di una di queste specie di insetti, è molto importante affidarsi a dei professionisti della disinfestazione in grado di gestirne la proliferazione e diffusione attraverso tecniche e metodologie efficaci - ma anche sicure per le persone e a livello ambientale - e operazioni di monitoraggio e controllo necessarie a scongiurare il potenziale rischio di un loro ritorno. 

A chi rivolgersi a Trieste

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus tv 2021: come funziona e i requisiti per richiederlo

  • Come rimuovere la ruggine dai cancelli: soluzioni facili e veloci

  • Ecobonus 110: cos'è e come funziona la cessione del credito

  • Come trasformare la finestra in un balcone ampio e luminoso

  • Come scegliere la lavastoviglie: guida all'acquisto

  • Subentro e voltura: dati, differenze, informazioni e costi

Torna su
TriestePrima è in caricamento