Eventi

"La salita dei campioni", torna la Trieste-Opicina con 200 mezzi d'epoca (FOTO E PROGRAMMA)

Una grande sfilata di auto, moto e velivoli d'epoca, una carrellata di motori rombanti che da foro Ulpiano si dirigerà verso la tappa finale dell'obelisco di Opicina

Una grande sfilata di auto, moto e velivoli d’epoca, una carrellata di motori rombanti che da foro Ulpiano si dirigerà verso la tappa finale dell’obelisco di Opicina. In questo e molto altro consisterà “La salita dei campioni”, il ritorno in grande stile della Trieste-Opicina, storica competizione automobilistica, sabato 1 e domenica 2 aprile. Nata nel 1911 insieme al Rally di Montecarlo è un evento tra i più longevi del settore (Indianapolis, Targa Florio e Alpenfahrt sono del 1906), ed è stata presentata oggi nella sua nuova veste all’Antico Caffè San Marco in presenza dell’assessore al turismo Maurizio Bucci, il presidente del comitato organizzatore Emilio TerpinStefano Zuban del motoclub Trieste 1906 responsabile settore moto e Francesco di Lauro del Club 20 all'Ora, responsabile settore auto.

Dopo quella prima edizione, in piena Belle Époque e sotto l’impero austroungarico, la gara in salita da Trieste a Opicina ha perso il suo carattere competitivo ma non l’intento di stupire con l’esibizione di auto sfavillanti. Dopo l’apoteosi degli anni 30, che vide la partecipazione di Tazio Nuvolari e delle prime Ferrari con una partecipazione di 80.000 persone, l’obbiettivo del 2017 è avvicinarsi a quei fasti, a 46 anni dall’ultima edizione (era il 1971) e ora, per iniziativa del Comune di Trieste, la manifestazione riprenderà vita nell’ambito della “settimana dei motori”, in collaborazione con Motoclub Trieste 1906 (il più antico motoclub d’Italia e affiliato Numero 1 alla federazione Motociclistica Italiana) e il Club dei Venti all’Ora, che oltre ad essere dal 1961 tra i più longevi Club di automobilismo storico in Italia è stato nel 1966 co-fondatore della Federazione ASI (Automotoclub Storico Italiano). 

Il percorso (su strada chiusa al traffico), sarà impreziosito da concerti gratuiti di musica anni '50 e '60 da feste in strada a Opicina e da un'intera settimana di esposizioni nelle varie piazze cittadine a cura dei locali club, oltre che da conferenze nei caffè triestini e presso il Municipio di Trieste e al sorvolo di aerei storici della Prima Guerra Mondiale appartenenti alla Fondazione Jonathan di Nervesa della Battaglia.

Ben 19 saranno i club cittadini, regionali e dalla vicina Slovenia che aderiranno all’iniziativa e porteranno in città ben 200 mezzi storici. Grande la soddisfazione dell’assessore Bucci: «Stavolta facciamo sul serio, non giochiamo più. L’adesione è stata grande e inaspettata e la qualità delle auto ha superato le aspettative. I miei ringraziamenti vanno anche alla Protezione civile, ai Carabinieri, al prefetto che ci ha aperto tutte le porte e anche ai volontari Marshall, che lavoreranno a titolo gratuito solo per essere della partita, che ormai ha raggiunto rilevanza internazionale. Dispiace soltanto per i disagi alla viabilità, ma è il prezzo da pagare per uno spettacolo che porterà prestigio e indotto economico all’intera città. E il prossimo anno abbiamo intenzione di superare noi stessi».

Il programma: CALENDARIO La Salita dei Campioni 2017-2

Salita Campioni 6-2

Salita Campioni 2-2-2

Salita Campioni 3-2

Salita Campioni 4-2

Salita Campioni 5-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La salita dei campioni", torna la Trieste-Opicina con 200 mezzi d'epoca (FOTO E PROGRAMMA)

TriestePrima è in caricamento