Aumento Iva sulla patente, ecco cosa cambia

Una risoluzione dell’Agenzia delle Entrate, la 79 - che recepisce una sentenza della Corte di Giustizia Europea - ha cancellato l’esenzione dal pagamento dell’Iva per tutti i corsi di guida che ora sono soggetti ad aliquota ordinaria

Brutte notizie per chi deve conseguire la patente ma anche per i titolari delle scuole guide. Da circa un mese, infatti, una risoluzione dell’Agenzia delle Entrate, la 79 - che recepisce una sentenza della Corte di Giustizia Europea - ha cancellato l’esenzione dal pagamento dell’Iva per tutti i corsi di guida che ora sono soggetti ad aliquota ordinaria. In cosa consiste? Scopriamolo.

Bollo auto dimezzato, esenzioni e agevolazioni in FVG

Aumento Iva del 22%

Se fino ad ora le lezioni per il conseguimento della patente nelle autoscuole non erano soggette a tale imposta, d’ora in poi lo saranno. Se ciò non bastasse, le scuole guida potranno far pagare l’aumento ai clienti, rincarando, così, il costo finale della patente. In poche parole, la patente potrebbe costare il 22% in più per l’Iva. Emanata sulla scorta di una recente sentenza della Corte di giustizia Ue (del 14 marzo 2019 nella causa C-449/17), la risoluzione dell'Agenzia delle Entrate ha revocato la prassi precedente. Se fino a ieri, nelle autoscuole, erano esenti dall’imposta le lezioni finalizzate al conseguimento della patente, adesso non più. Le scuole guida soggette all’aumento potrebbero far pagare il sovrapprezzo ai clienti. Inoltre, l’aumento è retroattivo, infatti, anche chi, dal 2015, ha conseguito la patente, potrebbe dover versare il 22% di Iva. In poche parole, le autoscuole potrebbero contattare i vecchi allievi e chiedere loro di pagare l’arretrato. Tutto ciò comporta inevitabilmente l'aumento del costo per l'iscrizione ad un corso per la patente, e brutte notizie anche per le scuole stesse, che nell'attesa di riscuotere queste somme, dovranno comunque pagare al Fisco le aliquote degli ultimi cinque anni. L'Agenzia delle Entrate, tramite una risoluzione, ha però fatto presente che non saranno dovuti nè interessi nè sanzioni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • I migliori panifici di Trieste secondo il Gambero Rosso

  • Il Wi-Fi in casa è pericoloso per la salute: l'Iss fa chiarezza

  • Indietro fino ad inizio ottobre, nei 1432 positivi di oggi "pesano" i dati di Insiel

  • Covid, Fedriga: "Rt in calo, possibile ritorno in zona gialla dalla prossima settimana"

Torna su
TriestePrima è in caricamento