Giovedì, 24 Giugno 2021
ASUITs Informa

Daniele Tognetto è il nuovo Presidente della Società Italiana di Chirurgia Vitreo-retinica (GIVRE)

Il prof. Tognetto, Direttore della Clinica Oculistica di ASUITs, è stato eletto presidente del GIVRE durante la XVIII Edizione del Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia Vitreo-retinica

Dall’8 al 10 giugno si è tenuta a Genova la XVIII Edizione del Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia Vitreo-retinica (GIVRE). In questa occasione, nel corso della riunione del Consiglio Direttivo, è stato eletto il nuovo Presidente del GIVRE il prof. Daniele Tognetto, Direttore della Clinica Oculistica di ASUITs.

Si tratta della Società di riferimento per tutti i chirurghi della retina in Italia, riconosciuta anche all'estero.

Il professor Tognetto nel 2016 ha organizzato a Trieste il Congresso della Società, congresso che ha visto la partecipazione di oltre 1400 oculisti provenienti da tutta Italia e dall’estero.

Dal 1999 la Società Italiana di Chirurgia Vitreo Retinica ha costituito un punto di riferimento per lo sviluppo professionale di tutti gli oculisti italiani che si dedicano alla chirurgia della retina. GIVRE organizza, oltre al Congresso Nazionale annuale, corsi, conferenze e meeting per promuovere lo scambio di idee e la diffusione delle conoscenze nell’ambito delle patologie retiniche e della loro terapia chirurgica. La Società è attiva anche nel campo della ricerca, sviluppando studi clinici e linee guida nei percorsi diagnostico-terapeutici delle malattie che richiedono il trattamento chirurgico della retina.

La Clinica Oculistica di ASUITS

Al secondo piano nel Polo Tecnologico è sito il reparto di degenza con 9 letti e 10 poltrone, queste ultime dedicate ad accogliere i pazienti che devono eseguire interventi in regime ambulatoriale, cioè che non richiedono la degenza, come ad esempio gli interventi di cataratta.

Sullo stesso piano sono presenti due ambulatori per le visite, l’ambulatorio per la preparazione all’intervento chirurgico (cosiddetto Ambulatorio Moduli) e l’ambulatorio per le visite di Pronto Soccorso. Completano la struttura  l’ambulatorio chirurgico di classe A, dedicato agli interventi di chirurgia minore e alle iniezioni intravitreali, e l’ambulatorio per la diagnostica corneale, comprendente biometria, topografia corneale, tomografia corneale, microscopia endoteliale, microscopia confocale, pachimetria, aberrometria e sistema fotografico per il segmento anteriore

Al primo piano del quadrilatero, sul lato che guarda la Piazza dell'Ospitale, sono collocati, oltre alla Direzione Universitaria, i nuovi spazi destinati ai servizi ambulatoriali. Ad essi si accede, entrando dall’ingresso principale,  tramite gli ascensori di vetro della scala H.

I servizi ambulatoriali comprendono:

  • Il Centro per lo Studio e la Terapia del Glaucoma dove sono accentrati tutti i più moderni strumenti per lo studio del Campo Visivo e del nervo ottico nei suoi aspetti morfologici ed emodinamici. Tre perimetri automatici, un perimetro a duplicazione di frequenza, un perimetro cinetico, un OCT per lo studio delle fibre nervose, un HRT per lo studio morfologico della testa del nervo ottico e un pachimetro per la misurazione dello spessore corneale costituiscono la ricca e moderna dotazione strumentale di questo centro. Inoltre i laser termici e YAG ad energia fotomeccanica garantiscono i trattamenti per il glaucoma quali l’iridotomia e la trabeculoplastica.
  • Il Servizio di Fluorangiografia e Laser terapia per la diagnosi e la terapia delle malattie della retina. Questo servizio offre la possibilità di effettuare una diagnostica multimodale di alto livello grazie a tre fluorangiografi, due tomografi a coerenza ottica (OCT) e due retinografi.E’ possibile infatti eseguire l’angiografia retinica a fluorescenza e con verde di indocianina, l’autofluorescenza retinica, le fotografie del segmento posteriore con luce aneritra e a colori. Quattro diversi laser e le apparecchiature per la terapia fotodinamica completano la dotazione di strumenti che permettono il trattamento delle malattie retiniche che ne abbiano necessità.
  • Il Centro di Chirurgia Vitreoretinica per lo studio ed il trattamento chirurgico delle patologie retiniche. Il centro offre ai pazienti con patologie retiniche e vitreali ad indirizzo chirurgico una diagnostica di alto livello con moderne apparecchiature per lo studio della retina qualiOCT, microperimetri, interferometri ed apparecchiature per le funduscopia.
  • Il Servizio di Ecografia Oculare
  • Il Servizio di Ortottica per lo studio ed il trattamento degli strabismi

Infine al piano terra del Polo Tecnologico, nell’ambito del complesso operatorio, è ubicata la sala operatoria della Clinica Oculistica. E’ una sala operatoria costruita pochi anni fa, di nuova concezione, dove trovano spazio le più moderne apparecchiature per l’esecuzione di tutti gli interventi chirurgici oggi praticati in oculistica. Tra questi, per citarne solo alcuni, il laser a femtosecondi per la chirurgia robotica della cataratta, i vitrectomi con piccolo calibro (27G) ad elevata frequenza di taglio per la chirurgia mininvasiva della retina, le microsonde per la canaloplastica nel trattamento del glaucoma, i microcheratomi per l’esecuzione dei trapianti di endotelio corneale (DSAEK).

CHIRURGIA ROBOTICA. Da oltre un anno è attivo presso la Clinica Oculistica il Laser a femtosecondi (o Femtolaser) per la chirurgia della cataratta. Questa tecnologia è in grado di sostituire il chirurgo nei passaggi più delicati assicurando precisione, ripetibilità e sicurezza non raggiungibili manualmente. Il Femtolaser è in grado di emettere micro impulsi di durata molto breve, nell'ordine dei femtosecondi, pari a un milionesimo di miliardesimo di secondo. Il laser può essere focalizzato a diverse profondità nell'occhio per tagliare i tessuti nel punto desiderato e, grazie alla sua elevatissima velocità di funzionamento (150.000 impulsi al secondo), rilascia una bassissima quantità di energia, senza arrecare danni all'interno dell'occhio. Precisione, sicurezza e dunque minori rischi per il paziente, - l'intera procedura laser richiede solo un paio di minuti - sono le principali caratteristiche di questo modernissimo dispositivo, unico in Friuli Venezia Giulia.

LA STORIA. La Struttura Complessa Clinica Oculistica esiste come reparto specialistico autonomo fin dal 1827. Chiamata allora V Divisione ebbe una conduzione ospedaliera fino al 1970. Valenti primari si sono succeduti alla sua guida, come Giuseppe Brettauer, Giuseppe Manzutto, Raffaele Campos, Giorgio Rinaldi.

Con l’avvento dell’Università è giunta la trasformazione in Istituto di Clinica Oculistica a direzione universitaria.

Dopo Bruno Bagolini primo direttore dal 1970, sono succeduti, Giorgio Venturi, Rosario Brancato, Roberto Guerra, e Giuseppe Ravalico fino all’attuale Direttore Daniele Tognetto. 

Nei 170 anni di vita l’Oculistica triestina è sempre stato un reparto di riferimento grazie al costante aggiornamento delle attrezzature e la preparazione del personale medico, infermieristico e tecnico.

Restando alla storia più recente, a Trieste si ebbe uno dei primi laser per la fotocoagulazione retinica, uno dei primi fluorangiografi per lo studio della circolazione retinica, tra i primi crioestrattori per la chirurgia della cataratta e così fino ai giorni nostri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Daniele Tognetto è il nuovo Presidente della Società Italiana di Chirurgia Vitreo-retinica (GIVRE)

TriestePrima è in caricamento