Coronavirus: Gibelli, convergenza su misure per Cultura e Spettacolo

Trieste, 16 apr -"Serve un grande sforzo collettivo per tutelare i settori della cultura e dello spettacolo".

Lo ha ribadito oggi l'assessore alla Cultura Tiziana Gibelli nel corso dell'incontro in videoconferenza con una delegazione dell'Associazione generale italiana dello spettacolo (Agis) che si è tenuto nell'ambito della Commissione Beni e attività culturali della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome.

"Siamo in presenza di una ampia convergenza sulle misure da attuare. Adesso stiamo aspettando le risposte alle domande che la Commissione ha già rivolto il 3 aprile scorso al ministro alla Cultura Franceschini" ha rimarcato Gibelli, ricordando che esiste già un tavolo al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (Mibact) promosso dalla conferenza Stato-Regioni.

"Il mondo della cultura e quello dello spettacolo sono fra i comparti maggiormente colpiti dalle misure di contenimento del Covid-19 sia per la cancellazione degli eventi dal vivo che per le tante incognite che gravano sulle riaperture. Settori - ha ribadito l'assessore - fondamentali per il numero di persone occupate e per la loro intrinseca capacità di migliorare la qualità delle nostre vite".

"Bisogna assolutamente impedire che le imprese culturali creative cessino di esistere a causa del Coronavirus, preservando - ha affermato in conclusione Gibelli - tutte le realtà, anche quelle che non ricevono contributi dal Fondo unico per lo spettacolo". ARC/RT/al



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento