PRO LOCO: BOLZONELLO, VALORE AGGIUNTO PER TURISMO E TESSUTO SOCIALE

Pozzuolo del Friuli (UD), 2 aprile - Le 234 Pro Loco della regione, con gli oltre 22.000 volontari, hanno un ruolo rilevante nel settore turistico, nella valorizzazione dei patrimoni culturali, naturalistici, storici, artistici ed enogastronomici ma possono avere una grande funzione anche sul fronte del welfare  sociale, soprattutto nei piccoli centri.

È questa la sintesi dell'intervento del vicepresidente della Regione Friuli Venezia Giulia e assessore alle Attività produttive e al Turismo Sergio Bolzonello tenuto oggi a Pozzuolo del Friuli nel corso dell'assemblea annuale del Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell'Unione Nazionale Pro Loco d'Italia (UNPLI).

Nell'occasione Bolzonello ha voluto evidenziare, oltre all'impegno quotidiano dei volontari, lo spirito sociale e civile ricordando, insieme al presidente uscente Valter Pezzarini (oggi riconfermato per un ulteriore quadriennio), la Pro Loco di Valle di Soffumbergo che ha rifiutato i contributi dell'UNPLI regionale per ricostruire il magazzino recentemente distrutto da un incendio doloso. Ha ritenuto più utile che quelle risorse vadano a favore di interventi sociali sul territorio: "una lezione da cogliere che denota una grande forza morale" ha affermato Bolzonello.

Per il vicepresidente della Regione "le Pro Loco sono strutture fondamentali che ci aiutano a fare turismo in FVG dove abbiamo dei patrimoni culturali, naturalistici, storici, artistici ed enogastronomici che vanno declinati insieme". "Riportare a sistema il lavoro svolto dalle 234 Pro Loco con gli oltre 22.000 volontari - ha proseguito - significa dare un valore aggiunto straordinario al nostro prodotto interno lordo legato al turismo".

La dimostrazione, secondo Bolzonello, è la crescita del comparto in regione negli ultimi due anni: "incrementato non solo grazie ai grandi eventi ma anche grazie all'offerta di iniziative sul territorio, attraverso i nostri volontari che esprimono un costante impegno". Bolzonello ha sottolineato positivamente la collaborazione portata avanti negli ultimi tre anni con il Comitato, caratterizzata da professionalità e serietà "con persone che vogliono costruire un percorso per la comunità".

Con le nuove leggi regionali su Commercio e Turismo "la cui riscrittura è prevista nella seconda parte del 2016 - ha riferito Bolzonello - l'asticella della qualità si alzerà a fronte di una serie di vantaggi in termini di finanziamenti, di formazione, di occasioni per le Pro Loco di essere protagoniste del sistema turistico del FVG".

Dopo il turismo, la seconda sfida per le realtà delle Pro Loco, per Bolzonello, guarda alla loro funzione di welfare  sociale soprattutto nei piccoli centri: "una sfida che non può essere messa da parte, necessaria a farci ritrovare la dimensione di comunità e anche grazie ai volontari possiamo riuscirci". E infine, il vicepresidente ha sottolineato il ruolo importante che queste realtà possono avere nella valorizzazione del patrimonio artistico regionale.

L'assemblea che si è tenuta a Pozzuolo del Friuli, presso l'Auditorium dell'IPSAA Sabbatini, ha previsto all'ordine del giorno l'approvazione dei bilanci consuntivo 2015 e preventivo 2016 e la nomina del nuovo direttivo regionale in scadenza di mandato. Pezzarini, nella suo discorso, ha indicato come "gli eventi organizzati dalle nostre Pro Loco, lo scorso anno, hanno registrato un +25% di presenze, segno di un richiamo qualitativo che continua a crescere. Siamo una forza positiva, con tante persone di ogni età impegnate per tutti i mesi dell'anno nelle rispettive comunità: siamo il valore aggiunto, il collante sociale, una risorsa per ogni nostro paese".

L'incontro è stato anche l'occasione per ricordare i 30 anni dalla fondazione della Pro Loco di Pozzuolo. Sono intervenuti, tra gli altri, Enrico Faes, presidente dell'UNPLI Trentino con il quale il Comitato del Friuli Venezia Giulia collabora, Silvano Bertossi, presidente del Consorzio Sericus e delegato della Pro Loco di Pozzuolo del Friuli, Massimiliano Pozzo, vicesindaco del Comune di Pozzuolo del Friuli, Luigino Nazzi, dirigente scolastico dell'IPSAA attivo da 135 anni. Presenti anche i consiglieri regionali Vittorino Boem ed Enio Agnola.

"Sono stati quattro anni impegnativi - ha aggiunto Pezzarini - non privi di difficoltà, ma anche con risultati positivi grazie al lavoro di tutto il consiglio direttivo. Abbiamo ricostruito il rapporto con le istituzioni, a partire dalla grande sinergia che si è creata con la Regione e con Turismo FVG per promuovere insieme turismo slow  e di qualità. A testimonianza di questo, per il terzo anno consecutivo il vicepresidente della Regione Friuli Venezia Giulia Sergio Bolzonello ha partecipato alla nostra assemblea. Abbiamo poi affrontato una situazione economica difficile, portando l'esercizio in utile di 30.000,00 euro nel 2015 e risollevando la situazione passiva che avevamo trovato, puntando su trasparenza e ottimizzazione dei costi".

Pezzarini ha anche commentato positivamente il progetto di Servizio civile dedicato alla Grande Guerra che ha portato tra 2015 e 2016, 46 giovani a operare nelle Pro Loco regionali, annunciando che a Roma è stato appena approvato il nuovo progetto dedicato ai Cammini di Fede sul territorio che dalla fine del 2016 vedrà all'opera altri 50 volontari in 27 sedi accreditate.

Importante anche il rapporto con scuole superiori e università per la formazione degli studenti. Per quanto concerne gli obiettivi del nuovo mandato, è stata evidenziata la volontà di proseguire nel rapporto positivo con le istituzioni, in particolare con PromoTurismo FVG, puntando a potenziare gli uffici di Informazione turistica più strategici e dare a tutti accesso alle nuove tecnologie per promuovere il territorio.

Confermato infine l'impegno per tre eventi di grande livello organizzati direttamente dal Comitato, uno dei pochi casi in Italia di gestione diretta: Sapori Pro Loco, grande manifestazione enogastronomica delle tipicità regionali in programma nel prato tra le Esedre di Villa Manin dal 14 al 15 e dal 20 al 22 maggio; Folklore in Villa Manin con un gruppo di danzatori da tutto il mondo ad agosto; Natale in Villa a dicembre e gennaio con migliaia di presenze per gli eventi presepiali sia a Villa Manin che sul territorio con il Giro Presepi.

ARC/LP/ppd



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Riaperture: Fedriga, da Regioni ok a linee guida

  • Minoranze: Callari, gli sloveni in Fvg sono a casa loro

  • Vaccini: Riccardi, con centro Tarvisio si potenzia offerta in montagna

  • Sport: Fedriga, valori team Luna Rossa importanti per costruire futuro

  • Ristori: Bini, nuovo bando da 7 mln amplia la platea dei beneficiari

Torna su
TriestePrima è in caricamento