← Tutte le segnalazioni

Avere un cane ai tempi del coronavirus: una riflessione su uscite e passeggiate

Redazione

Cosa significa avere un cane in questi tempi di emergenza sanitaria e misure drastiche? Ecco qualche risposta nella riflessione di Emanuele Esposito, istruttore cinofilo Enci.

 "La libertà di un cane vale più della mia. È questo il commento tipico dell’utente medio in queste ore di stretta sulle attività fisiche all'aperto della Regione FVG. Perché siamo sempre in cerca del nemico pubblico, dal runner al ciclista, passando per il passeggiatore ser(i)ale al proprietario di cani.

In questo momento si è ribaltato il senso logico della prevenzione: chi sta a casa è più al sicuro, ma invidia o attacca chi esce per portare fuori il cane e quindi rischia maggiormente di essere contagiato o (nel caso di un runner o ciclista, di farsi male e dover ricorrere alle cure del sistema sanitario già al limite).

Dovete capire che abituare un cane a fare i bisogni in casa è un percorso molto complesso e che comporta rischi per la salute dell'animale stesso. Chi ha avuto un cane in passato o attualmente è proprietario di cane, di certo conosce la difficoltà di insegnare al cucciolo a fare i bisogni fuori casa; il percorso contrario è forse anche più complesso e in assenza di uscite, il cane potrebbe avere dei seri problemi agli organi dovuti dal trattenere troppo urine e feci.

Inoltre, Trieste ha 21 mila cani registrati e dubito che vi siano forniture sufficienti di tappetini per bisogni; in Italia poi sono circa 7 milioni i cani, moltiplicati per almeno 3 bisogni al giorno, servirebbero 21 milioni di teli… Questo non vuol dire però 10 uscite al giorno per 10 km… ci vuole anche in questo caso intelligenza e rispetto delle regole: 2/3 uscite il più veloci possibile.

La privazione della libertà di movimento di certo non è facile da metabolizzare e la domiciliazione forzata è stressante, però non perdiamo di vista l’obiettivo, ossia venire fuori dalla pandemia coronavirus prima possibile e con il minor numero di morti".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Signor Esposito Lei ha perfettamente ragione. Però..... In barba all'amore per i propri amici a 4 zampe è anche vero che cani/cagnolini/e che di solito venivano portati fuori 2/3 volte al giorno, in questi ultimi giorni fungeva o da espediente per ripetute e lunghe uscite. Riprova nel fatto che, essendoci oggi svegliati a Trieste con bora a 100kh e 10° di meno sulle ultime temperature medie, si vedono moooolti meno cagnolini al guinzaglio fuori (nella corte dove abito stamattina neanche 1 a fronte dei 10/15 soliti). Sarà stata la stretta dettata dalle autorità o piuttosto l'egoismo dei tanti Umani non poi così leali verso i loro animalidacompagnia?

Segnalazioni popolari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento