← Tutte le segnalazioni

Disservizi

Cade e sbatte la testa: 30 minuti di attesa per il soccorso

Redazione

Continuano i disservizi legati al Numero Unico Emergenza. L'episodio, verificatosi in località Bagnoli, è stato segnalato da un lettore:

«L’11 maggio 2017 verso le ore 18.00 unitamente ad altre persone abbiamo deciso di fare una corsa insieme in località Bagnoli.

Verso le 19.00 quasi a fine allenamento, una persona del gruppo è caduta a terra sbattendo violentemente la testa, perdendo quasi immediatamente i sensi. Per tale motivo abbiamo chiamato subito il numero unico 112 e qui è iniziata l’odissea. Alla chiamata ha risposto un risponditore automatico dicendo di restare in attesa e dopo averlo più volte detto in numerose lingue, l’attesa si è prolungata. Io stesso ho provato a chiamare il 113 ( numerosi anni ho lavorato in questa sala operativa) ma automaticamente siamo ricascati nel 112 e li di nuovo l’ennesimo lungo risponditore automatico. I minuti trascorrono e la nostra amica a terra peggiora sempre più e il sangue esce copioso dalla testa. Finalmente dopo 15 minuti di sofferenza ci risponde la sala operativa che inizia giustamente a chiedere la posizione e ovviamente non conoscendo la zona ci fanno numerose domande, con passaggio ad altro operatore e intanto il tempo passa.

Finalmente dopo 20 minuti (totale attesa 30 minuti dalla prima telefonata) l’invio dell’autoambulanza è confermato e non resta altro che attendere sul posto il personale medico. Tutti professionisti niente da dire sia il pronto intervento che a Cattinara, ma qualcosa non funziona nei collegamenti. Fosse stato un collasso non avrebbe avuto via di scampo e questo per colpa del numero unico 112. I passaggi sono troppi, le zone non sono conosciute e spesso anche solo un minuto puo’ valere una vita, speriamo qualcuno non ci rimetta “le penne”».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Avatar anonimo di Din Don
    Din Don

    vergognoso; un magistrato serio dovrebbe intervenire d'ufficio

  • L’Associazione Costituzione 32 (www.costituzione32.it) si è posta come obiettivo prioritario la risoluzione di questo problema, in quanto è messa a repentaglio la sicurezza di tutta la comunità.

  • Ma è mai possibile che sti Fenomeni, come li ho già chiamati, non se ne rendano conto, eppure son sicuro che leggono i vari commenti anche del Piccolo......, che hanno fatto una KAZZATA.....voglio vedere se toccasse a loro come reagirebbero Poi.........non possono mettere un risponditore automatico in tutte le lingue......devono rispondere loro di persona......kazzo...... Ma ci vuole tanto???????????????????????????????? per capire? Qualcuno faccia qualcosa per piacere siamo nella città con più anziani di tutti.

  • Una cosa del genere a Ts non era mai successo. E' seriamente compromessa l'incolumita' pubblica. Dovrebbe intervenire Sindaco e Prefetto.

    • Credo che il sindaco non ha competenze al riguardo , il prefetto essendo un rappresentante dello stato può essere , l'unica autorità è la Procura della Repubblica che ha il dovere di fare chiarezza in questa infausta decisione della Regione che a tutti i costi ha dato il via al numero unico 112.

  • Evidente che anche in questo caso il sistema fa acqua da tutte le parti , mi auguro che la persona stia meglio e che si riprenda presto. Però è inammissibile che dopo tante denuncie nessuno prenda provvedimenti. Ci devono scappare dei morti ? e quanti ?

  • Nue vergogna nazionale e da denuncia penale

Segnalazioni popolari

Torna su
TriestePrima è in caricamento