Moringa: proprietà e benefici della pianta "dei miracoli"

La Moringa Oleifera è una pianta ricca di proprietà nutritive e apporta numerosi benefici al nostro organismo, sia in termini di salute che di bellezza. Queste proprietà sono racchiuse soprattutto nelle foglie e nelle radici, scopriamole insieme

Foto d'archivio

La Moringa Oleifera, conosciuta anche come albero del rafano, è una pianta appartenente alla famiglia Moringaceae, diffusa in buona parte della fascia tropicale ed equatoriale del pianeta. Del genere Moringa si conoscono 13 specie, ma probabilmente ne esistono altre non ancora identificate. Si tratta di un piccolo albero che cresce in Asia, soprattutto nell’area dell’Himalaya, Africa e Sud America. Conosciuta in tutto il mondo per le sue grandi proprietà nutritive, le sue foglie e le sue radici sono considerate “miracolose” e utilizzate fin dal passato come rimedio naturale per prevenire malattie come il diabete, malattie cardiache, anemia, artrite, affezioni respiratorie e disordini digestivi. Le sue virtù benefiche gli hanno assicurato sin dall'antichità grande fama come potente rimedio naturale, tanto da essere sfruttate nell'Ayurveda (medicina tradizionale dell'India) per le loro qualità medicinali.

Componenti e consumi

Della Moringa è possibile consumare tutte le parti, dai semi, alle radici, ai fiori; ma in realtà le sue proprietà migliori sono racchiuse nelle foglie essiccate o nella radice lasciata essiccare. Infatti, solitamente in erboristeria viene venduta in polvere o in capsule. Le sue componenti principali sono:

Gli utilizzi della Moringa

La Moringa oleifera è la pianta economicamente più pregiata tra quelle appartenenti alla famiglia Moringaceae; da sempre utilizzata nella medicina popolare indiana, la Moringa viene spesso chiamata "pianta dei miracoli" perché, secondo la tradizione, è in grado di prevenire e curare numerosi disturbi, ma anche per la sua capacità di crescere rapidamente in condizioni sfavorevoli, in periodi di siccità e in terreni poveri. Inoltre, nei Paesi in cui la Moringa è indigena, vengono utilizzate tutte le parti della pianta, senza scarti né sprechi:

  • le foglie, le radici e i baccelli non ancora maturi sono consumati come verdura;

  • la corteccia, i baccelli, le foglie, le noci, i semi, i tuberi, le radici e i fiori sono commestibili;

  • le foglie vengono utilizzate fresche o essiccate e macinate in polvere;

  • i baccelli vengono raccolti ancora verdi e consumati freschi o cotti; 

  • l'olio estratto dai semi è dolce, non appiccicoso, non si essicca e non diventa rancido, e i semi possono anche essere consumati crudi, arrostiti, in polvere, immersi nel tè o utilizzati nei curry;

  • la pasta di semi viene usata per purificare l'acqua potabile.

Nei Paesi Occidentali, invece, vengono perlopiù utilizzate le foglie essiccate, sminuzzate o polverizzate, sia per la preparazione di infusi o bevande che nella composizione di diversi integratori alimentari (approvati, in Italia, dal Ministero della Salute). In ambito cosmetico, invece, vengono utilizzati sia gli estratti della pianta che l'olio ottenuto dai suoi semi.

Curiosità

In alcuni Paesi poveri, le foglie di Moringa sono state proposte come alimento per combattere la malnutrizione, soprattutto nei bambini. Nei Paesi in cui la Moringa è indigena, questa pianta costituisce una fonte di nutrizione materna e infantile, una medicina per la famiglia e una fonte di reddito; inoltre, gli alberi agiscono da frangivento e riducono l'erosione del suolo. I baccelli immaturi di Moringa vengono anche chiamati "bacchette da tamburo", vengono generalmente cotti per bollitura e sembrano essere particolarmente ricchi di fibre, magnesio, manganese e potassio

Dai semi di Moringa è possibile estrarre un olio commestibile, noto anche con il nome di olio di Ben o olio di Behen, dal sapore dolce, resistente all'irrancidimento e ricco di acido oleico (65-75%) e di acido beenico o behenico. Ciò che rimane dei semi di Moringa dopo l'estrazione dell'olio può essere utilizzato come fertilizzante o come agente flocculante per purificare l'acqua. 

Anche le radici della Moringa sono commestibili, e sono prevalentemente utilizzate come aromatizzanti. Tuttavia, le radici contengono un particolare alcaloide, la spirochina, che interferirebbe con la trasmissione nervosa portando ad effetti indesiderati, ed un loro consumo eccessivo può portare alla comparsa di nausea, vomito e vertigini. 

NOTA BENE:

Agli estratti di radice di Moringa sono attribuite proprietà abortive (fonte: PDR for Herbal Medicines, Fourth Edition): per questa ragione l'uso delle radici e dei loro derivati/preparati è controindicato durante la gravidanza. In ogni caso, a scopo precauzionale, chiedi sempre al tuo medico di fiducia prima di assumere parti, derivati o estratti di Moringa.

Proprietà e benefici

  • La Moringa ha proprietà antiossidanti e antinfiammatorie che hanno la capacità di combattere la proliferazione dei radicali liberi, inibire l’ossidazione di lipidi, proteine e cellule del DNA, responsabili della degradazione cellulare.

  • Essa è ricca di Omega 3-6-9, dei grassi molto importanti per la salubrità dell'organismo. Infatti, sostengono il funzionamento del cuore del cervello e del sistema nervoso.

  • Rafforza il sistema immunitario e combatte i microrganismi patogeni perchè aiuta l’organismo nella lotta contro virus, batteri e altri patogeni.I suoi principi attivi hanno anche effetto contro i microrganismi,  e viene utilizzata in caso di raffreddore e febbre o per disinfettare acqua, ferite.

  • La Moringa aiuta la pressione e il controllo della glicemia, mantiene la pressione ai giusti livelli evitando l’ipertensione ed è efficace nella prevenzione del diabete. Contiene acido clorogenico utile per tenere sotto controllo i livelli di glucosio nel sangue e per permettere alle cellule di trattenere o rilasciare le quantità di zucchero necessarie.

  • C'è chi la utilizza per la sua capacità di ottimizzare il metabolismo corporeo con il vantaggio di facilitare la perdita di peso. È in grado anche di aiutare la digestione, in questo caso va assunta dopo i pasti. 

  • L'assunzione di Moringa comporta nel tempo un aumento delle energie. Per la presenza dell'elevato numero di vitamine, sali minerali di cui è composta, risulta essere un ottimo integratore contro la spossatezza ed è assolutamente priva di caffeina dunque non irrita il sistema nervoso. 

  • Grazie alla presenza della vitamina E e di altre sostanze antiossidanti, la Moringa è un rimedio efficace per la pelle secca e contro le macchie dell'epidermide. In più, regolando il sistema ormonale, è efficace anche contro l’acne.

Alcune erboristerie a Trieste

  • Erboristeria Dr Pegan (Via Guglielmo Marconi, 4)

  • La Mandragola (Via S. Lazzaro, 20)

  • Erba Matta (Corso Italia, 26)

  • Punto Benessere (Via Francesco Crispi, 7)

  • Emporio La Raganella (Via S. Sebastiano, 2)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Individuare i primi segnali di una polmonite con il saturimetro: come funziona e i migliori modelli

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

  • Famiglia "picchiatrice" entra in casa di una coppia e la pesta a sangue: quattro arresti

  • Coronavirus in Fvg: sfiorati i 1200 contagi in un giorno solo

Torna su
TriestePrima è in caricamento