Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Possibile ritorno della centrale 118 a Trieste: esultano i sindacati

L'opzione è al vaglio della Giunta Fedriga per il piano dell'emergenza urgenza in lavorazione. FSI - USAE: "Potrebbe essere la nuova sede individuata all’interno del Porto Vecchio". FIALS: "Anche i tecnici della Regione confermano quanto abbiamo proposto, con il supporto di 6500 firme"

Si apre uno spiraglio per la possibilità di una riapertura della centrale 118 a Trieste: l'opzione sarebbe al vaglio della Giunta Fedriga per il piano dell'emergenza urgenza in lavorazione, come confermano i sindacati degli infermieri. Soddisfazione da parte del sindacato autonomo FSI-USAE di Trieste e Gorizia, che rileva in una nota come tale possibilità sia conseguenza di un'azione politica e sindacale che si è sviluppata fin da principio dalla Segreteria.

Secondo FSI - USAE "riportare la centrale operativa a Trieste in quella che potrebbe essere la nuova sede individuata all’interno del Porto Vecchio permetterà di riportare efficienza ed efficacia a tutte le fasi del soccorso extra-ospedaliero e di ritornare agli standard che in passato avevano dato lustro al servizio".

FSI - USAE: "Soluzione importante"

Nella nota, i responsabili di FSI-USAE esprimono "compiacimento per il fatto che tutte le parti politico e sindacali siano convenute con noi, anche se dopo molto tempo, sul fatto che questa sia una soluzione importante per risolvere le numerose criticità del sistema; sono più di tre anni che questa Segreteria Territoriale ha dibattuto e denunciato anche e più volte pubblicamente, manifestando in piazza contro l’attuale sistema, ed è dal 2016 che, coinvolgendo i vertici aziendali e politici cittadini, ha lavorato in progetti concreti per riportare la centrale operativa del 118 a Trieste e per costruirne la nuova sede all’interno del Porto Vecchio".

FIALS: "Le 6500 firme hanno dato risultati"

Secondo la FIALS di Trieste Gorizia e Monfalcone, si tratta di "un'ottima notizia. Anche i tecnici della Regione confermano quanto ha proposto la FIALS, con il supporto di 6500 firme, presentate al Presidente Fedriga e al vicepresidente Riccardi". La petizione era stata proposta da FIALS nell'ottobre del 2019 per "coprire un territorio da cui provengono gran parte delle chiamate, sgravando Udine e Pordenone, viste le criticità della centrale SORES di Palmanova".

"La riattivazione della Centrale di Trieste - continua la FIALS - contribuirà anche a risolvere la criticità legata alla carenza di personale nella centrale operativa (SORES) di Palmanova che proprio in questi giorni sta chiedendo all'ASUGI personale infermieristico professionalmente preparato nella gestione delle emergenze. È da ormai 3 anni che in ARCS si cercano misure tampone è quindi giunto il momento di decidere per una soluzione strutturale e se l'ipotesi presentata dai Tecnici regionali sarà quella definitiva il nostro plauso andrà alla politica che ha deciso di metterla in pratica".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Possibile ritorno della centrale 118 a Trieste: esultano i sindacati

TriestePrima è in caricamento