menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dramma desaparecidos, Serracchiani:«Le donne contagino la politica con la loro intelligenza» (FOTO)

La presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, ha festeggiato l'8 marzo incontrando Vera Vigevani Jarach e Lita Boitano, due figure esemplari della battaglia de le madres y abuelas de Plaza de Mayo nella tragedia dei desaparecidos

«C'è la necessità di una rivoluzione affinché ci siano delle donne che contagino il mondo della politica con la loro intelligenza, con la loro capacità e con le loro competenze».

Lo ha detto la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, a Buenos Aires, dove ha festeggiato l'8 marzo incontrando, nella sede dell'ambasciata d'Italia, Vera Vigevani Jarach e Lita Boitano, due figure esemplari della battaglia de le madres y abuelas de Plaza de Mayo nella tragedia dei desaparecidos vittime della dittaturra argentina.

«Per me è stato un grande onore conoscere Vera e Angela - ha detto Serracchiani - perché per la mia generazione questa è stata una storia che per troppo tempo non abbiamo conosciuto. È una storia tragica ma anche una storia di donne forti che hanno lottato per i loro cari di cui non sapevano più nulla e della cui morte hanno appreso dopo. È una battaglia che rimane nella storia dell'umanità».

In precedenza, la presidente della Regione con l'assessore alla Cultura, Gianni Torrenti, e l'ambasciatore Teresa Castaldo aveva reso omaggio al Parco della Memoria che ricorda i 30mila desaparecidos, 77 dei quali italiani. Dopo aver lanciato i fiori nelle acque del Rio de la Plata, come usano fare i visitatori, Serracchiani ha scritto sul registro del Parco: «Molto commovente ed evocativo di una tragedia immensa. Nunca màs».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Risi e bisi: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento