rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Blackout / Isontino

Monfalcone e Staranzano senza elettricità: il blackout è stato causato dal caldo

Sono state 9mila le utenze senza corrente a Monfalcone, mille a Staranzano e cento a Ronchi. Attualmente il problema è ancora in risoluzione. Problemi anche al traffico per malfunzionamento dei semafori. Cisint: "Non preoccupano la fornitura dell'acqua e il funzionamento degli ospedali"

Da ieri sera un black out coinvolge Monfalcone, Staranzano e Ronchi, problema che non è stato ancora del tutto risolto e che, informa Enel, è stato causato dal caldo eccessivo e dall’umidità. Come ha dichiarato in una diretta Facebook il sindaco di Monfalcone Anna Maria Cisint, intorno all’1.15, a causa del caldo eccessivo e dell’umidità, sono saltate quattro linee interrate di media tensione, che alimentano 52 cabine fornitrici di energia per la bassa tensione. I tecnici sono intervenuti tempestivamente per tentare di ripristinare le linee, utilizzando delle apparecchiature provvisorie che in mattinata, alle 9.36, si sono guastate. A quell’ora, le utenze interessate dal blackout risultavano 9mila a Monfalcone, mille a Staranzano e meno di cento a Ronchi. Sono tuttora in corso i lavori per risolvere la situazione. Alle ore 13 Enel ha ripristinato una linea. Attualmente sono ancora al buio circa 1100 utenze monfalconesi. 

Il Sindaco è in costante contatto con il dottor Riccardo Semenzato, responsabile istituzionale per l’Italia di Enel, e informa che "tutte le pattuglie della Polizia Locale sono impegnate a veicolare il traffico agli incroci perché alcuni semafori ancora non funzionano e stiamo comunque monitorando la situazione in ospedale e nella casa di riposo, anche se attualmente non desta preoccupazione grazie alla presenza dei gruppi elettrogeni di cui entrambi i siti sono dotati. Abbiamo inoltre verificato che la fornitura idrica non ha subito disagi perché Irisacqua possiede dei generatori in grado di garantire l’approvvigionamento dell’acqua".

"Il Comune - spiega ancora Cisint - è a disposizione, con la Protezione Civile, per supportare i cittadini in cura con terapie elettromedicali chiamando il numero 800 500 300. Da questa mattina stiamo accogliendo le segnalazioni per avere contezza dei danni gravi che i monfalconesi stanno subendo e provvederemo a chiedere ad Enel i dovuti risarcimenti. Le segnalazioni per danni gravi possono essere inviate all’indirizzo mail: sindaco@comune.monfalcone.go.it.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monfalcone e Staranzano senza elettricità: il blackout è stato causato dal caldo

TriestePrima è in caricamento