menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cannabis in erboristeria, i farmacisti: «No sensazionalismi, benefici solo da prodotti farmaceutici»

«Il taglio sensazionalistico della stampa locale, con le dichiarazioni imprecise evidenziate produce ed induce nei lettori false aspettative»

Dopo alcuni articoli apparsi sulla stampa locale, riguardanti lo sbarco della cannabis sugli scaffali dell'erboristeria, Marcello Milani, Presidente dell’Ordine farmacisti della Provincia di Trieste  invia un comunicato, che pubblichiamo, con alcune importanti specifiche per inquadrare la notizia nella maniera corretta, chiarendo alcune inesattezze:

«In riferimento a un articolo pubblicato di recente sulla stampa locale, dal titolo “La cannabis sbarca tra gli scaffali dell’erboristeria”, l’Ordine dei Farmacisti di Trieste ritiene necessario precisare quanto segue: Nell’articolo sono state omesse delle informazioni importanti quale la quantità di cannabinoide CBD contenuta nel prodotto in vendita. Il valore dichiarato di THC pari allo 0,2 % dimostra soltanto l’assenza della parte psicoattiva, come previsto per la legge sugli stupefacenti e nulla viene detto riguardo agli altri principi attivi, comunque presenti e responsabili di attività terapeutica».

«Infatti le concentrazioni di cannabinoidi permesse nella cannabis allestita per la vendita libera al pubblico non sono ovviamente le stesse di quelle della cannabis preparata e venduta con ricetta medica in farmacia. E di conseguenza le proprietà farmacologiche e terapeutiche citate nell’articolo “(...) antinausea, abbassa la pressione oculare, stimola l’appetito, rilassante, anticonvulsivante, antidolorifico per sclerosi multipla, dolore cronico di origine neurologica, per contrastare gli effetti collaterali dovuti a chemioterapia, radioterapia o a terapie per l’HIV, aiuta a diminuire i movimenti involontari del corpo (…)” non possono appartenere al prodotto venduto al di fuori della filiera farmaceutica, in quanto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 1 ex D.Lgs 219/06, primo comma, lettera a) sub 1) sono da considerarsi farmaci non solo i prodotti registrati presso il ministero della salute, ma anche “ogni sostanza o associazione di sostanze presentata come avente proprietà curative o profilattiche delle malattie umane”»

«Ai lettori è doveroso, dunque, chiarire che i prodotti venduti senza autorizzazione ministeriale non possono essere utilizzati nella cura di nessuna patologia e, di conseguenza, neppure di quelle serie quali quelle i cui disturbi sono stati citati nell’articolo e che necessitano, per la loro cura di ben altri prodotti, testati e verificati dal ministero della salute tramite l’AIFA. In altri termini, l’articolo pare assumere un taglio sensazionalistico che, con le dichiarazioni imprecise evidenziate produce ed induce nei lettori false aspettative, e, nel contempo, mette a rischio la loro salute, consigliando l’assunzione di composti potenzialmente dannosi e non preparati per un utilizzo terapeutico: va da sé che il lettore dovrebbe rivolgersi al proprio medico curante per tutti gli ulteriori chiarimenti che questi è in grado di fornire».

«Pure il richiamo a quanto può trovarsi sulla rete “(…) sul web sono tante le pagine che forniscono tutte le informazioni precise sulla tipologia di cannabis disponibile e sulle modalità di utilizzo (...)” risulta fuorviante e pericoloso, in quanto solo sanitari quali medici e farmacisti sono, per legge, autorizzati a fornire indicazioni sull’uso dei principi attivi e sulla rete, vice versa, si trovano molto spesso notizie non verificate, né veritiere».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

social

Torta morbida cioccolato e cannella: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento