Cronaca

Castello di San Giusto: Don Giovanni, la grande lirica torna dopo 40 anni

Carmina Burana di Orff all’Abbazia di Sesto al Reghena

Giunto all’ottava edizione, il Piccolo Festival del Friuli Venezia Giulia è già in grado di annunciare, tra il 3 e il 12 luglio 2015, una programmazione di alto livello specializzandosi sempre di più nell’unire la grande musica e l’opera lirica con i siti più affascinanti, ricchi di storia e di bellezza della Regione Friuli-Venezia Giulia.

Da non perdere sarà il “Don Giovanni” di Mozart che riporta la grande lirica a Villa Manin di Passariano (UD) dopo 11 anni e nel Cortile delle Milizie del Castello di San Giusto a Trieste dove mancava dal 1971.

“Sull'esempio di altri Festival europei – spiega il direttore artistico Gabriele Ribis – il nostro intento è quello di consolidare una manifestazione che, attraverso l'opera e  la grande musica, diventi vetrina della Regione e possa allo stesso tempo costituire un veicolo di indotto in particolare per il comparto turistico di fascia medio-alta.”

Il Piccolo Festival si rafforza quindi nella propria visione con l’intento di essere riconosciuto come la rassegna operistica estiva della regione: la missione è quella di trasmettere la musica - e l’opera lirica in particolare – come occasione privilegiata di turismo culturale, di promozione e valorizzazione del territorio.

“A fronte di un programma di grande pregio – sottolinea infatti il direttore di TurismoFVG Michele Bregant – la collaborazione e le sinergie in atto tra TurismoFVG e il Piccolo Festival possono ampliare il bacino del potenziale pubblico puntando a spettatori in arrivo da Slovenia e Austria, che potranno anche apprezzare le peculiarità enogastronomiche del nostro territorio”.

Il programma 2015, caratterizzato quest’anno dal titolo “Dimore di gloria”, è “cucito” dalla direzione artistica su ogni singolo luogo scelto, tenendo conto della sua storia, del paesaggio circostante e delle sue caratteristiche architettoniche. Ecco che l’elegante cornice veneta di Villa Manin, l’imponente Cortile delle Milizie del Castello di San Giusto, gli spalti a picco sul mare del Castello di Duino e altri bellissimi siti artistici si trasformeranno in scenografie naturali per la musica. Mentre l’Abbazia benedettina Santa Maria in Sylvis di Sesto al Reghena (PN) ospiterà per la prima volta i “Carmina Burana”.

Con quest’obiettivo l’organizzazione 2015 ha costruito un’offerta completa che unisce esperienze e percorsi fatti di musica, storia, conoscenza e sapori. Gli spettacoli saranno abbinati ad aperitivi, menù e degustazioni di prodotti locali che verranno serviti prima, dopo o durante le rappresentazioni; inoltre, prima degli spettacoli, saranno previsti momenti d’introduzione all’ascolto e di approfondimento tenuti da musicologi ed esperti.

Musica e territorio, una formula turistica vincente: ne è dimostrazione il successo ottenuto dal Piccolo Festival durante “Ferien”, la Fiera internazionale del Turismo di Vienna che ha registrato grande interesse fra pubblico ed operatori turistici e dove sono state avviate proficue collaborazioni tra cui quella con Promotrieste e Lignano Holiday.

Piccolo Festival 2015: alcuni degli appuntamenti più importanti 

Don Giovanni Villa Manin (Passariano di Codroipo, UD) 4 LUGLIO

L’opera lirica ritorna a Villa Manin.  Dopo il successo ottenuto al Teatro Giovanni da Udine nel 2012, il “Don Giovanni” di Mozart va in scena proprio nel luogo che ne aveva ispirato l’allestimento di Davide Amadei che per l’occasione lo rielaborerà in collaborazione con il regista emergente Davide Garattini.

Don Giovanni Castello di San Giusto (Trieste) 5 LUGLIO

Con la collaborazione di AMI - Trieste (Associazione Mozart Italia Sede di Trieste) l’opera lirica ritorna nello storico spazio estivo del Cortile delle Milizie.

Per entrambe le recite, l’Orchestra sarà quella dell’Opera di Stato di Maribor (Slovenia) condotta da una donna, Tara Simoncic nuovo direttore principale.

“L’obiettivo di questa collaborazione – spiega il Presidente dell’Associazione Mozart di  Trieste Dario Marin - è di restituire alla città l’antico ruolo di paladina della musica lirica, attraverso l’organizzazione di grandi eventi musicali che possano valorizzare i siti più prestigiosi della città, allietare gli amanti della lirica rimasti in città ed essere attrazione per i turisti.”   

Carmina Burana Abbazia di Santa Maria in Sylvis (Sesto al Reghena, PN) 3 LUGLIO

Per la prima volta la forza travolgente dei “Carmina Burana” va in scena all’interno di una vera abbazia benedettina: il concerto, diretto da Eddi De Nadai, è stato reso possibile grazie alla collaborazione con l’Associazione Pro Sesto.

In omaggio alla grande tradizione corale della Regione, il “Don Giovanni” e i “Carmina Burana” vedranno la partecipazione di formazioni e singoli coristi aderenti all’USCI FVG.

OFF: musica a km zero 11 e 12 LUGLIO

Anche turismo a KM0 con i due eventi gratuiti OFF di Piccolo Festival che daranno l’opportunità di conoscere luoghi meno conosciuti ma non meno interessanti del Friuli Venezia Giulia come i Castelli di Faedis e i mulini del Rojale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castello di San Giusto: Don Giovanni, la grande lirica torna dopo 40 anni
TriestePrima è in caricamento