menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Centro estetico aperto da due ventenni triestini: «Il futuro di Trieste siamo noi giovani»

I protagonisti sono Kevin Baldè e Matteo Barasso, entrambi classe 1995 e triestini: «Ci abbiamo creduto sin dall’inizio e siamo molto motivati. Ai nostri coetanei diciamo di fare altrettanto se ne hanno la possibilità». Boom di clienti giovani

Aperta recentemente in città una nuova attività imprenditoriale da parte di due ventenni triestini. Notizia da prima pagina per una città come Trieste, tra le peggiori in assoluto in Italia per quanto concerne l’imprenditorialità giovanile (fonte Sole 24 Ore – classifica qualità della vita)

Kevin Baldè e Matteo Barasso, entrambi ventenni triestini (classe 1995) hanno deciso di aprire un centro estetico in centro città (dove fino a qualche mese fa si trovata Abbronzatissimi) in via Roma 20/a, ora trasformato in “Estetique B&B” (nato come abbreviazione del cognome dei due giovani, poi diventato l’acronimo di “Bellezza&Benessere”). I locali sono  gli stessi, ma all’interno sono stati realizzati lavori radicali, che hanno dato un aspetto completamente nuovo al centro, adattandolo alle esigenze della clientela ed allo standard del nuovo corso.

«Entrambi – spigano -  abbiamo fatto un percorso di studi completamente diverso rispetto all’attività che da circa un mese abbiamo deciso di aprire (Kevin è ragioniere, mentre Matteo è diplomato al Deledda). Dopo gli studi entrambi abbiamo iniziato a lavorare in un centro estetico (Kevin per due anni proprio negli stessi locali con l’ex gestore di “Abbronzatissimi, mentre Matteo in un altro centro cittadino)».

«Una volta chiusa la precedente gestione ho pensato che avrei potuto sfruttare in modo propositivo le conoscenze e il know-how acquisito nel biennio  - spiega Kevin - così mi è venuta voglia di intraprendere questa avventura. Ne ho parlato con Matteo, il quale, come detto, lavorava in un centro similare ed ha subito entusiasticamente accettato la sfida così abbiamo iniziato. L’ambiente in cui abbiamo la fortuna di lavorare è molto stimolante e positivo, le persone escono da noi sorridenti e contente per il risultato finale, con le aspettative pienamente rispettate. Per noi questo è motivo di gioia e gratificazione. I primi tempi non sono stati semplicissimi in quanto abbiamo dovuto affrontare tantissime spese, molti sacrifici, diverse difficoltà: ma tutto ciò non ha fatto venire meno il nostro entusiasmo e la nostra voglia di fare, che ci fa permesso di andare spediti verso il nostro obiettivo finale».

«Le reazione dei nostri amici – sottolineano entrambi – è stato un misto tra lo stupore, la sorpresa e l’incredulità per la scelta. Non sono mai mancati gli incoraggiamenti da parte di amici e parenti per la buona riuscita delle operazioni. Tra le chicche della struttura ogni stanza ha una presa per poter ricaricare il proprio smartphone mentre si fa un a lampada abbronzante piuttosto che una seduta di estetica. Nel nostro centro offriamo numerosi servizi diversificati, dai lettini abbronzanti, peraltro molto richiesti dai giovani, fino a moltissime possibilità per quanto concerne l’estetica, dalle depilazioni ai massaggi alle pedicure, molto richiesta da una clientela più matura. Insomma cerchiamo di offrire un prodotto all’altezza delle aspettative, anche quelle più esigenti, coprendo tutte le generazioni».

«Alla momento – spiegano Kevin e Matteo -  i feedback sono stati estremamente positivi e la clientela è sempre in aumento giorno  dopo giorno  Nei locali attigui, dove fino a qualche mese fa si trovava il negozio di parrucchiere collegato al centro, apriremo un nuovo servizio sempre nel campo dell’estetica, poco visto in città, insomma una sorpresa che sveleremo a breve. In questo caso l’avvio è previsto con il nuovo anno».

«Ai giovani – concludono – diciamo di buttarsi e provare, ovviamente se hanno la possibilità e la disponibilità.. L’entusiasmo e la voglia di fare devono necessariamente essere il perno portante di tutto. La nostra esperienza è servita da spunto a parecchi dei nostri conoscenti che, visto il nostro avvio, si sono messi in moto per aprire a loro volta attività, in special modo pubblici esercizi. Il futuro di Trieste siamo noi giovani, questo dobbiamo capirlo e renderci noi stessi protagonisti della città».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Risi e bisi: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento