menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giorno del Ricordo, Giacomelli: "Una storia ancora troppo poco conosciuta"

Il consigliere regionale di Fratelli d'Italia è intervenuto al Congresso del comitato. "Lavorare affinché la vicenda del confine orientale "non sia una tragedia istriana, bensì una tragedia italiana, della quale la nostra nazione porta ancora le ferite”. "Attacco" a Claudia Cernigoi e al Circolo della Stampa

Si è tenuto domenica 13 gennaio, a Trieste il Congresso del Comitato 10 febbraio, intitolato “Italiani al di là dell’acqua”. In rappresentanza del gruppo di Fratelli d’Italia, è intervenuto il consigliere regionale Claudio Giacomelli, il quale ha ribadito come questa sia “non solamente una tragedia istriana, bensì una tragedia italiana, della quale la nostra nazione porta ancora le ferite”, ricordando come “questa pagina della nostra Storia nazionale sia stata per lungo tempo  dimenticata e messa in discussione. In Italia per anni vi é stata una cultura dominante di sinistra, quando non comunista, che, ha voluto nascondere la tragedia del confine orientale così come ogni fatto che potesse suscitare negli Italiani ogni orgoglio di Patria. Non per niente siamo l’unica nazione al mondo nella quale la bandiera nazionale è considerato un simbolo di parte".

La proposta di legge 

Giacomelli ha poi ricordato come, in consiglio regionale sia stata depositata dal gruppo di Fratelli d’Italia “una proposta di legge proprio sul tema del 10 febbraio che, oltre a prevedere contributi da parte della Regione, per studi, ricerche e pubblicazioni sul tema dell’esodo, istituirà un concorso di elaborati rivolto agli studenti della nostra regione affinché venga trattata una storia che ancora oggi è poco conosciuta e diffusa fra i giovani e nelle scuole – Giacomelli ha poi precisato che – all’interno della commissione giudicatrice saranno presenti le associazioni che da sempre si occupano di mantenere viva la memoria su questa storia dimenticata, come il Comitato 10 febbraio che, insieme ad altre associazioni, ha contribuito alla stesura della nostra proposta di legge”. 

"Il Comitato, un ruolo determinante"

Il consigliere ha poi voluto ringraziare il comitato “per il ruolo determinante che ha nella diffusione della vicenda del confine orientale e della tragedia dell’esodo e delle foibe, anche grazie al contributo di componenti di giovane età che spesso non hanno un collegamento familiare o personale diretto con queste vicende ma che, con grande impegno e dedizione, portano avanti una storia che riguarda tutti gli italiani”.  Infine Giacomelli ha voluto spendere una parola sulle conferenze tenute da Claudia Cernigoi condannando “la gravità, non solo delle tesi riduzioniste se non addirittura negazioniste sostenute nei confronti della tragedia del confine orientale, bensì anche per la sede istituzionale che continua ad ospitarle”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

social

Tradizioni del Carso: perché andar per osmize

social

Cucina tipica: la ricetta della minestra de bisi spacai

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid in Fvg: 661 nuovi casi, scende il tasso di positività

  • Cronaca

    Scuola, genitori in piazza contro la Dad: "È emergenza sociale"

  • Cronaca

    Da lunedì tutto il Friuli Venezia Giulia torna in zona arancione

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento