“Il comune attivi il prestito a domicilio per le biblioteche” l’appello della IV circoscrizione

Lo chiede Marina Coricciati, Consigliera e Coordinatrice Commissione Cultura del parlamentino, dove ha presentato una mozione: "Ritengo di fondamentale importanza continuare a garantire e favorire l’accesso alla lettura per tutti i cittadini"

“Stiamo vivendo un’emergenza sanitaria di proporzioni inedite per la nostra società, ma non dobbiamo lasciare che essa distrugga tutte le nostre vite e ciò di cui da sempre sono costituite. Accanto al lavoro e all’economia è dunque opportuno che qualcuno in Comune pensi anche alla cultura. In questi periodi in cui siamo e saremo sempre più soli nelle nostre case, ritengo di fondamentale importanza continuare a garantire e favorire l’accesso alla lettura per tutti i cittadini. Proprio per questo motivo ho presentato una mozione chiedendo che venga attivato in sicurezza il servizio di prestito di libri a domicilio da parte delle biblioteche civiche, come già hanno fatto altre città italiane” afferma Marina Coricciati, Consigliera e Coordinatrice Commissione Cultura IV Circoscrizione Comunale di Trieste.

L'importanza della lettura

“In questo periodo in cui le nostre uscite sono limitate a causa della pandemia, la lettura è stata ed è di conforto e compagnia a molte persone. È inoltre importante garantire l’accesso ai libri a studenti e ricercatori per il prosieguo dei loro studi. Si eviti la facile scappatoia del benaltrismo dicendo che in questo momento i problemi sono altri: la tenuta del nostro sistema sociale e in ultima analisi della nostra stessa identità di cittadini dipende anche dalla forza che mettiamo, per ciò che è possibile, nel continuare a vivere come prima e nel non piegarci psicologicamente al flagello del Covid. Trieste è stata insignita del titolo Anci “Città che legge” ed è stata inserita nella Rete globale Unesco delle città per l’apprendimento permanente: di certo dunque l’attivazione del servizio di prestito bibliotecario a domicilio sarebbe un ulteriore importante tassello per la prosecuzione della normale vita di una città legata da sempre al mondo della lettura e letteratura”, conclude Coricciati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

Torna su
TriestePrima è in caricamento