menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'appello del Sindaco fa centro: raccolti i fondi per il tetto del centro di solidarietà “Cramer”

Grazie dalla Comunità di Sant'Egidio alla solidarietà di Trieste. Raggiunti i 76 mila euro per la ristrutturazione del tetto della casa di via Romagna. Il presidente ringrazia il sindaco Cosolini

Un grande grazie a tutta la città per i fondi raccolti, che consentiranno di risistemare e riparare il tetto del centro di solidarietà “Claudio Cramer”, dove  la Comunità di Sant'Egidio opera quotidianamente aiutando le persone e le famiglie in difficoltà. È questo il messaggio che il presidente della Comunità di Sant'Egidio Paolo Parisini ha voluto rivolgere a tutti coloro che hanno aderito alla campagna “diamo un tetto alla solidarietà”, che ha raggiunto la ragguardevole e necessaria cifra di 76 mila euro.

«Da triestino mi aspettavo un ritorno di solidarietà  ma non pensavo che la risposta fosse così immediata e cospicua» ha spiegato il presidente Parisini ringraziando, nel corso di un incontro, il lungo elenco di persone che privatamente hanno contribuito al raggiungimento dell'importante cifra. Un ringraziamento particolare è stato rivolto  al sindaco Roberto Cosolini, per aver promosso e inviato una lettera alle società partecipate dal Comune, che ha permesso di raccogliere 16 mila euro a favore della comunità di Sant'Egidio, e a Don Mario Vatta per il consueto impegno profuso a sostegno delle fasce più deboli della comunità.  

Intervenendo all'incontro con i vertici della Comunità di Sant'Egidio, il sindaco Cosolini ha espresso soddisfazione per il raggiunto obiettivo, ringraziando a sua volta la Comunità e i suoi volontari per il quotidiano impegno, un'azione fondamentale di solidarietà, un lavoro faticoso che aiuta chi ha più bisogno a inserirsi nella nostra società. Sono io a ringraziare voi -ha concluso il sindaco- perché contribuite a rendere migliore la nostra comunità, soprattutto in questo momento di difficoltà per molti. Sono  felice che Trieste vi voglia bene e spero di essere considerato semplicemente come un vostro amico. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Risi e bisi: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento