Cronaca

Confini in Gioco, in settembre tappa in Croazia: boom di adesioni, pochi posti disponibili

Le squadre devono essere composte da 6 giocatori, di cui minimo 3 di sesso femminile. Si può giocare senza limitazioni di età, sesso, razza, etnia, nazionalità, religione od altro

Archiviato il fiume Arzino in Friuli e il lago di Ossiach in Austria il torneo internazionale di Green Volley (pallavolo su erba) Confini in Gioco si sposta il 3 e 4 settembre sull’ Isola dei Frati a Pola, nell’Istria croata.

L’iniziativa Confini in Gioco” da ormai più di venti anni trasforma un campo di calcio, un prato, un’isola, in una palestra “en plein air”, dando vita a giornate di sport e festa che sono occasione, per centinaia di giovani di scoprire territori, colori, sapori e ritrovare il piacere di stare assieme, primo passo di un modello di turismo sostenibile.

Le squadre devono essere composte da 6 giocatori, di cui minimo 3 di sesso femminile. Si può giocare senza limitazioni di età, sesso, razza, etnia, nazionalità, religione od altro.

Sull’Isola dei Frati per la ventitreesima (!!!) edizione sono previsti amanti del volley provenienti della Slovenia, Serbia, Austria, Croazia, Repubblica Ceca e naturalmente dall’Italia; c’è la possibilità di campeggio, è garantito un servizio ristorazione e bar, e alla sera tanta musica.

Ancora alcune disponibilità per le iscrizioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confini in Gioco, in settembre tappa in Croazia: boom di adesioni, pochi posti disponibili

TriestePrima è in caricamento