Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca

Corteo, gli studenti contro i fascisti e leghisti e scoppia un petardo (FOTO - VIDEO)

Non sono mancati i momenti di tensione e gli slogan shock durante la manifestazione: sotto la sede della Lega Nord di Trieste è stato lanciato un petardo con slogan shock urlati di sottofondo che inneggianti la morte della Lega

Circa 2000 tra studenti o docenti hanno preso parte al corteo questa mattina per protestare contro le politiche della scuola del Governo Renzi. Tra le rivendicazioni degli organizzatori, stando a quanto riportato dal volantino che «la scuola non diventi classista grazie al meccanismo di elargizioni e rimborsi fiscali (cospicue nelle scuole dei ricchi, misere o assenti in quelle dei poveri destinate a diventare scuole di serie B), che i privati non entrino nelle scuole influendo sulle scelte educative, che il Dirigente Scolastico (il Preside ndr.) non diventi Amministratore Delegato della scuola-azienda con il potere di scegliere l’indirizzo, i progetti, assumere i suoi docenti, premiarli o escluderli dal premio a suo piacere, non rinnovare il contratto al docente non gradito (anche per motivi indipendenti dalla sua efficienza e professionalità), cli gli organi Collegiali (Collegio docenti e Consiglio di Istituto) non perdano ogni potere e diventino solo consultivi, che gli studenti non vengano valutati con le prove INVALSI da chi non conosce le loro potenzialità, i loro problemi e le loro difficoltà, che non si generi competizione e rivalità tra insegnati e scuole, quando invece servono collaborazione  e condivisione».

Il comitato promotore del corteo era formato da COBAS SCUOLA FVG, Comitato Pace Convivenza Solidarietà “Danilo Dolci”, FLC CGIL Trieste, LIP – Per una buona scuola della Repubblica, UDS Trieste.

«Studenti e professori assieme nel corteo non si vedono tutti i giorni - ci riferisce il professor Davide Zotti dei Cobas Scuola – i media dicono effettivamente che Renzi sia riuscito in questo a fare un miracolo, facendo unire e ricomporre le tante anime della scuola in quanto crediamo che essa debba essere pubblica, democratica, che debba difendere la Costituzione, e non invece una scuola autoritaria in mano ai sponsor ed ai privati. Si pensa sempre meno all’attività che deve essere svolta in classe (lezioni ed attività proposte agli studenti) ma invece si vorrebbe una scuola perennemente sul mercato, in competizione tra loro e gli studenti che vengano valutati con le prove assurde dell’INVALSI».

Non sono mancati i momenti di tensione e gli slogan shock durante la manifestazione: sotto la sede della Lega Nord di Trieste in via Roma è stato lanciato un petardo con slogan di sottofondo inneggianti la morte della Lega.

Slogan anche contro i fascisti “fascisti carogne tornate nelle fogne”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corteo, gli studenti contro i fascisti e leghisti e scoppia un petardo (FOTO - VIDEO)

TriestePrima è in caricamento