menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Divisione in zone, il Governo accoglie la richiesta di rivedere i parametri

Le modifiche nel prossimo Dpcm. Fedriga: "Il supporto dei tecnici è essenziale per delineare il quadro della situazione, ma la responsabilità finale delle scelte deve essere assunta dagli organi politici".

"Valuto con favore la disponibilità data dal Governo ad accogliere la richiesta, avanzata all'unanimità dalla Conferenza delle Regioni, di rivedere i parametri di classificazione dei territori nel prossimo Dpcm: il supporto dei tecnici è essenziale per delineare il quadro della situazione, ma la responsabilità finale delle scelte deve essere assunta dagli organi politici". Lo ha detto il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, durante la riunione, in videoconferenza, della Conferenza delle Regioni alla presenza dei ministri della Salute, Roberto Speranza, e degli Affari regionali e Autonomie, Francesco Boccia.

In merito ai ristori, Fedriga ha ribadito la necessità di sospendere i tributi per le categorie penalizzate dalle restrizioni: "una misura essenziale - ha chiarito - per garantire ossigeno al tessuto produttivo e alle famiglie". Fedriga ha infine sottolineato l'importanza del processo di condivisione "che non può essere confinato alle sole istituzioni, ma che deve essere invece allargato alle categorie economiche al fine di stimolare la massima partecipazione attorno a ogni scelta strategica relativa alla lotta al Coronavirus".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cosa non regalare mai per la Festa della mamma e perché

social

Festa della mamma: consigli e idee regalo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Fedriga: "Non fossilizziamoci sul coprifuoco, riaprire in massima sicurezza"

  • Cronaca

    Appartamento "centrale di spaccio" in piazza Foraggi: arrestato 36enne

  • Cronaca

    Turismo: da metà maggio arriva il green pass per viaggiare in Italia

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento