menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

E' Scomparso Oggi Gabrio de Szombathely, Commodoro dello Yatch Club Adriaco

Domenica 19 febbraio, all'età di 94 anni, ci ha lasciati Gabrio de Szombathely, commodoro dello Yacht Club Adriaco. Con la scomparsa di de Szombathely, se ne va non solo un pezzo della storia del Club ma della vela italiana e internazionale...

Domenica 19 febbraio, all'età di 94 anni, ci ha lasciati Gabrio de Szombathely, commodoro dello Yacht Club Adriaco. Con la scomparsa di de Szombathely, se ne va non solo un pezzo della storia del Club ma della vela italiana e internazionale, nonché di una parte della vita culturale di Trieste.

Gabrio de Szombathely ha incominciato a praticare le vela negli anni venti a Parenzo, ed è stato socio del Club dal 1950. Ha ricoperto prestigiosi incarichi nell'ambito della Federazione Italiana della Vela. Dal 1961 ha fatto parte della Giuria d'Appello della FIV, divenendone presidente dal 1981 per più di 20 anni.

E' stato membro del Comitato d'Onore della Federazione Italiana della Vela dal 1994 e giudice internazionale in una cinquantina di campionati mondiali ed europei, oltre che in innumerevoli regate internazionali. Per i suoi meriti è stato insignito della Stella d'oro del CONI al Merito Sportivo.

Gabrio de Szombathely è stato anche prolifico autore di libri, dedicati non solo al mondo della vela, ma anche alla città di Trieste. Negli anni Settanta, assieme a Bruno Bianchi, ha realizzato il "Regolamento di Regata commentato ed illustrato", poi tradotto anche in lingua inglese e distribuito e letto in tutto il mondo. Nel 1994 ha scritto "Itinerario di 2000 anni nella storia di Trieste", nel 2000 "A Trieste sotto 7 bandiere", nel 2003 ha seguito per il Club la realizzazione del libro del centenario. Del 2008 l'ultima fatica, con "Andar per mare", presentata all'Adriaco assieme all'amico Cino Ricci, vero e proprio diario di una vita dedicata alla vela, che rievoca spesso con ironia e acuto senso critico storie e personaggi che hanno fatto grande la nautica.

«Gabrio non è stato insignito a caso del ruolo di commodoro del Club» sono le parole del Presidente dell'Adriaco Nicolò de Manzini «Fa parte di quella generazione di gentiluomini del mare che hanno fatto grande il nostro sodalizio e al cui esempio abbiamo sempre voluto ispirarci. Uomini che hanno unito spirito sportivo, curiosità culturale, piacere di navigare e un profondo rispetto per le regole. Sono a persone come Gabrio - che ha operato con impegno e rigore in mondo velico ancora dilettantistico - che i nostri atleti e i nostri Soci guardano con orgoglio».

Il Presidente, il Consiglio Direttivo e tutti i Soci dello Yacht Club Adriaco si stringono a Licia, moglie e compagna di mille avventure dell'indimenticato commodoro Gabrio de Szombathely.

Ufficio Stampa Yacht Club Adriaco

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento