menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Esodo: la giornalista Viviana Facchinetti vince il premio letterario Tanzella

L'attuale direttore del mensile L'Arena di Pola premiata per il suo libro "Protagonisti senza protagonismo" la storia nella memoria di Giuliani, Istriani, Fiumani e Dalmati nel mondo

Si è svolta a Verona la cerimonia di premiazione della sedicesima edizione del premio letterario nazionale Tanzella, presente l'Assessore Comunale alla Cultura Francesca Briani, la presidente della Giuria Loredana Gioseffi, i membri della commissione giudicatrice, rappresentanti istituzionali, dell'Angvd e del mondo dell'associazionismo dell'esodo. Davanti ad un folto pubblico, l'ambito primo premio per la sezione testimonianze è stato consegnato alla giornalista Viviana Facchinetti - attuale direttore del mensile L'Arena di Pola - per il suo libro Protagonisti senza protagonismo – la storia nella memoria di Giuliani, Istriani, Fiumani e Dalmati nel mondo» Questa la motivazione: L'Autrice, attraverso un efficace metodo di ricerca, ricostruisce le vicende della diaspora giuliano-dalmata nei continenti extraeuropei, dando voce ai suoi protagonisti.

L'opera, ponderosa anche per il cospicuo corredo iconografico che l'arricchisce, recupera e salvaguardia la memoria legata al dramma di chi, dopo una prima emigrazione in Italia, per sopravvivere fu nuovamente costretto ad espatriare verso l'ignoto alla ricerca di un'idendità perduta. Storie di vite, di tante vite, un prezioso bagaglio di memorie che inducono il lettore a profonde riflessioni sull'anara sorte dei testimoni, ammirandone al tempo stesso lo straordinario coraggio, la ferma volontà di ricominciare da capo, senza mai perdere la speranza, pur dovendosi adattare, con compostezza e dignità, a modelli di vita completamente estranei alla loro cultura di origine.

Questa opera-documento racchiude il valore inestimabile di testimonianze il cui messaggio va attualizzato e trasmesso alle generazioni presenti e future. «È una grande emozione – il primo commento della vincitrice – che rinnova quella provata il giorno in cui questo mio libro è stato presentato a Montecitorio. È un riconoscimento che mi da gioia e che gratifica un faticoso impegno, e che voglio particolarmente dedicare ai miei Protagonisti senza protagonismo sparsi nel mondo: giuliani, istriani, fiumani e dalmati - da me incontrati ed intervistati nei vari Paesi oltreoceano - di cui racconto le vite, le esperienze e le emozioni non solo nel mio volume, ma anche in numerosi special televisivi e videodoc. Sono storie che raccontano come le nostre genti - costrette all’esodo - siano state in grado di ricominciare, con compostezza e dignità, ma anche con grande capacità e determinazione».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

social

Tradizioni del Carso: perché andar per osmize

social

Festa della Donna: le idee regalo per sorprendere chi ami

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento