Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca

Ex caserma a Banne, il Pd interroga Dipiazza: "Sia sdemanializzata e recuperata"

Repini: “Bisogna avviare l'iter per il recupero e il riutilizzo del più grande dei siti abbandonati a Trieste, ovvero di definire le condizioni della sua sdemanializzazione e di realizzare uno studio di fattibilità”

“L’esperienza della pandemia sollecita l'introduzione di nuovi paradigmi nella gestione del territorio comunale, volti a superare lo stato di abbandono di parti importanti del patrimonio pubblico per rimetterle a disposizione della collettività". Lo afferma la consigliera comunale del Pd, Valentina Repini, che attraverso la mozione intitolata “per il risanamento ambientale e la fruizione sociale dell'area dell'ex caserma Monte Cimone a Banne (già tenuta Bidischini Burgstaller), discussa l'anno scorso in commissione e in attesa della discussione in aula, ha chiesto all'Amministrazione comunale di avviare l'iter per il recupero all’uso della comunità ed il riutilizzo del più grande dei siti abbandonati presenti sul territorio triestino, ovvero di definire le condizioni della sua sdemanializzazione e di realizzare uno studio di fattibilità sui costi della sua bonifica e riqualificazione, inclusa la verifica della congruità delle previsioni urbanistiche attualmente vigenti, e ciò al fine di poter accedere alle opportunità di finanziamento offerte dalla nuova programmazione regionale dei fondi strutturali e di investimento europei 2021 - 2027.

"L’Agenzia del Demanio e diverse amministrazioni pubbliche – spiega –stanno gestendo il processo di recupero del patrimonio militare dismesso, nel duplice obiettivo di rendere queste aree punti di partenza per processi di rigenerazione e riqualificazione urbanistica e innescare, attraverso partnership e azioni coordinate, la valorizzazione di una parte importante del patrimonio pubblico".  "Oggi - aggiunge - per la grande importanza del sito nel contesto naturale del Carso, un primo passo verso il superamento dello stato di abbandono dell'area dovrebbe essere rivolto in tempi più brevi a restituire all'uso pubblico almeno la sua parte boschiva".

L’attuale fase di programmazione regionale degli interventi del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2021 – 2027 (POR FESR 2021 – 2027) prevede il finanziamento di "progetti di rigenerazione territoriale" volti a realizzare obiettivi specifici quali la “valorizzazione di alcuni luoghi simbolo della Regione, in chiave di rilancio turistico, combinato a interventi di valorizzazione territoriale …”, "interventi di rigenerazione territoriale imperniati sulla valorizzazione ambientale, in grado di attivare economie locali e coinvolgere le comunità” ed "iniziative di recupero di edifici pubblici in Aree Interne, al fine di rivitalizzazione del contesto sociale. "

Pertanto - conclude Repini- l'interrogazione chiede di sapere se l'Amministrazione comunale ha approfondito la questione con l'Agenzia del Demanio e con l'Amministrazione Regionale del Friuli Venezia Giulia come da impegni derivanti dalla mozione citata in premessa".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex caserma a Banne, il Pd interroga Dipiazza: "Sia sdemanializzata e recuperata"

TriestePrima è in caricamento