Finta separazione per contributi e agevolazioni: coppia smascherata dalla Guardia di Finanza di Trieste

I due, hanno anche avuto un terzo figlio durante la loro pseudo-lontananza: ricevuti oltre 20.000 euro in due anni

I Finanzieri del Comando Provinciale di Trieste, nell’ambito delle attività di servizio volte alla tutela della spesa pubblica, più specificatamente al contrasto alle indebite percezioni di prestazioni sociali agevolate, hanno eseguito un controllo nei confronti di un nucleo familiare che ha simulato una separazione consensuale tra coniugi per ottenere una serie di benefici erogati dagli enti locali e dall’INPS a favore dei nuclei familiari svantaggiati.

I due – lui quarantenne e lei trentasettenne – già genitori di due bambini, si sono formalmente separati nel 2012 a seguito di una procedura consensuale. Per rendere più credibile la messinscena, il marito ha poi trasferito la propria residenza presso la casa di una terza persona compiacente. In tal modo, poiché i redditi dei coniugi – entrambi dipendenti a tempo indeterminato – non venivano più sommati nel calcolo dell’ISEE/ISE, la famiglia, diventata in tal modo monoreddito, ha potuto ottenere senza averne titolo l’assegnazione di un alloggio popolare, nonostante i coniugi fossero proprietari di una casa a Trieste, l’esenzione dal pagamento delle rette e delle mense scolastiche, assegni per il nucleo familiare svantaggiato, emolumenti dal Fondo solidarietà regionale, sussidio straordinario per famiglie numerose. In tal modo sono stati fraudolentemente percepiti oltre 20.000 Euro.

Troppi, però, erano gli elementi di incongruenza riscontrati dalle Fiamme Gialle. Solo per citarne alcuni: il marito, che aveva dichiarato di essere momentaneamente ospite di una parente, non era in grado di ricordare il suo nome e affermava di non aver le chiavi dell’appartamento in cui abitava; la moglie, nella richiesta di assegnazione di un alloggio da parte dell’ATER, aveva dichiarato che lei ed i propri figli erano ospiti di un ente di beneficenza, fatto del quale non vi è traccia alcuna presso lo stesso.

Dalle due dichiarazioni, pertanto, appariva che nessuno dei due coniugi aveva abitato, dopo la separazione, nella casa di proprietà. Inoltre, i consumi delle utenze domestiche registrate nell’alloggio ATER erano incompatibili con le esigenze di una famiglia con bambini, di contro, erano rimasti invariati quelli dell’abitazione intestata alla coppia. Infine, ma non da ultimo, gli sposi, nel pieno della separazione, hanno ricevuto l’arrivo del loro terzo figlio.

Tutti elementi, quelli elencati, che hanno fatto sgretolare il castello di sabbia costruito dalla coppia. Le tre persone coinvolte nella truffa sono state denunciate. La loro condotta è ora al vaglio della Procura della Repubblica di Trieste.

Le attività di servizio sopra riportate si inquadrano nella più ampia azione di monitoraggio nel settore delle spesa pubblica nel cui ambito, dal 1° gennaio 2013, sono stati condotti dai reparti del Comando Provinciale di Trieste 120 interventi (prestazioni sociali agevolate e controllo spesa sanitaria) di cui oltre 50 con esito irregolare: si tratta, per la maggior parte, di difformità individuate nella documentazione afferente l’esenzione dal ticket ovvero nella concessione di locazioni agevolate. Gli accertamenti sono condotti con l’ausilio della consultazione di banche dati, anagrafe tributaria, raccolta informazioni presso pubblici uffici, osservazione diretta delle persone individuate e sospettate di fruire di indebiti benefici: generalmente, questi vengono ottenuti con false dichiarazioni, omissioni, reticenze che non consentono di individuare appieno la capacità contributiva del cittadino. In altri casi, per converso, si è di fronte a meri errori materiali – commessi in buona fede - dovuti a dimenticanze o non corretta conoscenza delle norme.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

Torna su
TriestePrima è in caricamento