Cronaca

Furti in appartamenti a Trieste e in Toscana, arrestati due professionisti del settore

Arrestati due cittadini di nazionalità georgiana Tigilauri Beka del 1990 e Mezvrishvili Givi del 1983,

La Polizia di Stato di Trieste, coordinata dalla Procura della Repubblica giuliana, ha arrestato, con la collaborazione della Polizia di Stato di Pisa, due cittadini di nazionalità georgiana Tigilauri Beka del 1990 e Mezvrishvili Givi del 1983, eseguendo altrettanti provvedimenti di cattura emessi dal GIP presso il Tribunale di Trieste. 

Le indagini affidate alla Squadra Mobile di Trieste dopo vari furti in abitazione avvenuti a Trieste nel mese di maggio hanno consentito di risalire all’identità dei due ladri di professione che si erano impossessati di numerosi oggetti in oro dopo essere essersi introdotti all’interno di un’abitazione in zona Via Giulia e di un’abitazione vicino via Cavour.

I successivi riscontri eseguiti nelle abitazioni svaligiate e i numerosi dettagli reperiti in merito alle circostanze del fatto hanno consentito di ipotizzare che i furti fossero opera di ladri professionisti.

I due georgiani privi di attività lavorativa si dedicavano unicamente ai furti in abitazione, commettendo dopo aver colpito a Trieste anche altri furti in Toscana (nelle province di Pisa, Firenze e Livorno) per poi vendere il ricavato nel sud Italia.                

I due uomini, sono stati fermati dalla Squadre Mobili di Pisa su indicazione di quella triestina e condotti in carcere a disposizione dell’AG, risponderanno dei furti consumati nelle diverse città italiane bersagliate.

La Squadra Mobile di Pisa ha tratto in arresto anche ARABULI Besik del 1980 cittadino georgiano. L’ARABULI è stato trovato in compagnia di Tigilauri Beka insieme ad altri 2 connazionali. Dai successivi accertamenti è risultato destinatario di un provvedimento di cattura per reati predatori   e inosservanza sulla normativa sull’immigrazione. L’ARABULI ha manifestato segni di nervosismo già dai primi momenti delle attività che hanno portato all’arresto degli altri due connazionali fingendo anche di non capire assolutamente una sola parola di italiano. Improvvisamente, inteso quanto stava accadendo, gli è tornata la memoria e si è ricordato di conoscere la nostra lingua. Infatti ha tentato di respingere qualunque addebito.

Il predetto dovrà scontare oltre 2 anni di reclusione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti in appartamenti a Trieste e in Toscana, arrestati due professionisti del settore

TriestePrima è in caricamento