Furti in abitazione a Trieste, Polizia di Stato blocca tre persone con arnesi da scasso

Bloccato dalla Squadra Mobile giuliana un gruppo di trasfertisti con arnesi da scasso poco prima di commettere furti in abitazione

Foto di repertorio

La Polizia di Trieste, nell’ambito dei servizi predisposti dalla Questura contro la criminalità diffusa e le “razzie” in danno di abitazioni, ha bloccato un gruppo di trasfertisti specializzati. 
Gli stessi sono ritenuti i responsabili di alcuni raid nella zona di Scala Santa, Roiano e zona Bonomea. Si tratta di tre italiani appartenenti alle famiglie Hudorovich, Levacovich e Braidic, dimoranti in provincia di Udine. 

La Squadra Mobile giuliana in collaborazione con gli equipaggi della Sezione Volanti, sono riusciti a localizzare una Mitsubishi Colt da poco giunta nel capoluogo e dopo un inseguimento a bloccarla in via Commerciale.

La successiva perquisizione estesa al mezzo  ha permesso di rinvenire, abilmente occultati, guanti, flex, berretti, arnesi atti allo scasso opportunamente modificati, riproduzioni di targhe adesive da applicare in caso di fuga per sviare le indagini di polizia, ricetrasmittenti e torce di vario tipo. Tutto il materiale è stato sequestrato mentre i tre pregiudicati, oltre ad essere deferiti alla Procura di Trieste, sono stati allontanati da questa provincia con foglio di via obbligatorio per tre anni.

Nel corso dell'ultimo mese sono stati numerosi i furti in villa e appartamento accertati dalla Polizia in Scala Santa, almeno quattro e un tentativo fallito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione da domenica in Friuli Venezia Giulia

  • Calci e pugni in faccia a una 13enne, la madre: "Sta malissimo"

  • Il Gambero Rosso premia le migliori pasticcerie d'Italia, cinque sono a Trieste

  • Cadono in moto in galleria San Vito: grave il passeggero

  • Avviata la distribuzione gratuita di saturimetri in farmacia: chi ne ha diritto

  • Possibile stato d'emergenza fino ad aprile, e intanto il Fvg rischia la zona rossa

Torna su
TriestePrima è in caricamento