Ruba in un appartamento con la proprietaria in casa, in cella 26enne

La donna non si è accorta di nulla domenica pomeriggio quando un giovane di origine argentina si è introdotto in un appartamento di piazza Foraggi. A beccarlo sono stati i parenti della donna, insospettiti dalla luce che proveniva dalla stanza da letto

Forza l'entrata di un appartamento in piazza Foraggi e ruba un cofanetto con gioielli e affetti personali. Il fatto di cronaca è accaduto domenica pomeriggio e ha messo nei guai un cittadino 26enne di origine argentina che è accusato di fruto aggravato in concorso. Il giovane infatti, sembra che al momento dell'intrusione non fosse da solo. 

La proprietaria dell'appartamento, pur essendo in casa, non si è accorta di nulla. I ladri hanno quindi messo a soqquadro la camera da letto per poi essere colti in flagranza il giovane argentino. Sono stati i parenti della donna che, notando la luce accesa nella stanza dalla strada, sono saliti e hanno trovato il 26enne che ha tentato   di nascondere il cacciavite e alcuni affetti all'interno di alcuni vasi da fiore. 

Accompagnato l’uomo in Questura, dopo le formalità di rito, è stato condotto presso la locale Casa circondariale a disposizione della Procura della Repubblica.

Potrebbe interessarti

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Come lavare i cuscini in modo corretto, consigli utili

  • Pomodori secchi, proprietà benefiche e preparazione in casa

  • Usi e benefici della lavanda, come coltivare la pianta dal profumo incantevole

I più letti della settimana

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Schianto mortale a Sant'Andrea: 54enne perde la vita

  • Ristoranti di pesce nel mirino, 55 mila euro di multe, nove denunce e cinque chiusure

  • Quattrocento posti per diventare operatore socio sanitario, al via i corsi gratuiti

  • Polli: "Non fuggono dalla guerra, sono palestrati", ma è una foto del cantante Tequila Taze

  • Come lavare i cuscini in modo corretto, consigli utili

Torna su
TriestePrima è in caricamento