menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Fast and furious" in salsa triestina: due ventenni fermati dai Carabinieri

Controlli dell'Arma per contrastare la guida in stato di ebbrezza e delle gare clandestine: i giovani guidavano una Mazda RX8 e una BMW 320

La scorsa notte, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile e della Compagnia Carabinieri di Via Hermet, nell’ambito di servizi straordinari di controllo alla circolazione stradale finalizzati, in particolare, al contrasto dei fenomeni della guida in stato di ebbrezza e delle gare clandestine, hanno deferito in stato di libertà C.F. e C.S., due giovani triestini poco più che ventenni che a bordo delle loro potenti auto, una Mazda RX8 e una BMW 320, stavano gareggiando in pieno centro città.

I Carabinieri, poco dopo la mezzanotte, hanno prima sentito il forte rombo dei motori e poi visto le due auto, ferme a un semaforo di via Carducci, partire sgommando ad altissima velocità. Immediatamente le pattuglie si sono messe all’inseguimento, concluso in via Battisti, dove le auto sono state bloccate.

I due giovani sono stati denunciati, le patenti di guida ritirate e le loro auto sequestrate per la successiva confisca.

«L’Arma ha intensificato i controlli alla circolazione stradale, specie nell’arco notturno del fine settimana, in risposta alle numerose e crescenti segnalazioni da parte dei cittadini di giovani che con le loro auto e moto organizzano vere e proprie competizioni in città e in alcune zone isolate dell’area industriale. I servizi continueranno anche nei prossimi giorni, in occasione del carnevale, e nei prossimi weekend».

Queste le due auto (foto di repertorio come la principale).

33529-a-maz-55bbcd9424023-2

bmw-320-m-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Risi e bisi: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento