rotate-mobile
Cronaca

Guardia Costiera: Bilancio Attivita' 2011

Nella conferenza stampa tenutasi oggi, 30 dicembre, presso la Capitaneria di porto di Trieste la Direzione Marittima del Friuli Venezia Giulia ha tracciato il bilancio dell’attività operativa svolta nel corso del 2011, evidenziando il...

Nella conferenza stampa tenutasi oggi, 30 dicembre, presso la Capitaneria di porto di Trieste la Direzione Marittima del Friuli Venezia Giulia ha tracciato il bilancio dell'attività operativa svolta nel corso del 2011, evidenziando il raggiungimento dei seguenti risultati:

- Attività di ricerca e soccorso in mare (SAR): nel servizio di pronto intervento per emergenze in mare attivo 24 ore su 24, condotto dai mezzi navali della Guardia Costiera, sono state 176 le missioni compiute che hanno portato al salvataggio di 322 persone tra diportisti, bagnanti e pescatori.

- Sicurezza della navigazione: con controlli sistematici sul naviglio mercantile nazionale e, attraverso l'attività di Port State Control (PSC), anche sul naviglio mercantile estero che scala nei porti della Regione, sono state ispezionate 252 unità navali, delle quali 130 di bandiera straniera.
Sono state fermate per deficienze che ne compromettevano la navigabilità 7 unità.

Sono state rilasciate 2585 autorizzazioni varie a navi ed unità minori da traffico mercantile e da pesca;

- Polizia portuale e marittima: nell'attività di ispezione dei porti, degli ormeggi e degli approdi turistici, nonché di vigilanza sui traffici marittimi e sulla sicurezza della balneazione sono stati effettuati più di 11.800 controlli, nel corso dei quali sono stati riscontrati 460 illeciti amministrativi, comprensivi anche delle violazioni in materia di nautica da diporto, per un totale di sanzioni inflitte di euro 202.000;

- Protezione ambientale delle coste e del mare: in rapporto di dipendenza funzionale dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, ed utilizzando sinergicamente mezzi terrestri, navali ed aerei, la Guardia Costiera del Friuli Venezia Giulia ha eseguito 2.555 controlli sul demanio marittimo, 832 verifiche sul ciclo dei rifiuti e 704 ispezioni su condotte di scarico e fonti inquinanti, che hanno portato alla redazione di 30 informative di reato e 176 verbali amministrativi.

I mezzi navali hanno pattugliato le coste per vigilanza ambientale compiendo oltre 600 uscite con 1.600 ore di moto.

Per la protezione della Riserva Marina di Miramare sono state effettuate 440 missioni con un totale di 1.200 ore di moto;

- Controlli in materia di prodotti ittici: nel corso dell'anno le Capitaneria di porto hanno eseguito, oltre ad una giornaliera attività di vigilanza a terra ed a mare, diverse operazioni complesse di controlli sulla filiera della pesca a tutela del consumatore, tra le quali la più recente denominata "OCTOPUS" svolta a tutela del consumatore nel periodo natalizio fino al 23 dicembre.

I controlli eseguiti nel corso dell'intero anno sono stati 1702 di cui: 978 in mare ed ai punti di sbarco; 303 nei mercati ittici e presso i grossisti; 176 nella grande distribuzione e al dettaglio, 191 nei ristoranti e 54 in strada.

Gli illeciti accertati sono stati 28 di carattere penale e 78 in materia amministrativa.

Le violazioni riguardanti la materia di etichettatura del pescato e tracciabilità sono state 42, mentre 19 le frodi in commercio riscontrate e 10 le irregolarità accertate per il mancato rispetto della normativa igienico sanitaria. Il quantitativo prodotti ittici sequestrati kg 1.175, gli attrezzi di pesca sequestrati 68, con un ammontare complessivo delle sanzioni amministrative: euro 112.000.

- Campagna "Cuore di mare": Al termine della conferenza stampa è stata presentata la nuova campagna di solidarietà in favore dei migranti ospiti dei centri di accoglienza, chiamata "Cuore di mare", promossa dalle Capitanerie di Porto in collaborazione con la Conferenza Episcopale Italiana e la società Imago Editrice. Nell'iniziativa rientra il nuovo calendario 2012 della Guardia Costiera, dedicato all'attività degli uomini e delle donne del Corpo delle Capitanerie di porto
impegnati nell'opera di soccorso a favore di migliaia di profughi; le tavole del calendario ripercorrono i momenti più commoventi e significativi dei salvataggi in mare. Il 10% del ricavato delle vendite verrà destinato all'acquisto di beni di prima necessità, che attraverso la Caritas saranno distribuiti agli immigrati ospitati presso i centri di accoglienza. L'anteprima del nuovo calendario è sul sito www.guardiacostiera.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guardia Costiera: Bilancio Attivita' 2011

TriestePrima è in caricamento