Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca Muggia

Il Comune di Trieste Dice no al Rigassificatore di Zaule. I perche'

Riceviamo dalla segreteria comunale dei gruppi di maggioranza e pubblichiamo:PERCHE IL NOSTRO NO AL RIGASSIFICATORE DI ZAULE:Perché per Trieste ci deve essere un altro futuro, quello indicato dal Comune e dell’Autorità Portuale nei loro strumenti...

Riceviamo dalla segreteria comunale dei gruppi di maggioranza e pubblichiamo:

PERCHE IL NOSTRO NO AL RIGASSIFICATORE DI ZAULE:
Perché per Trieste ci deve essere un altro futuro, quello indicato dal Comune e dell'Autorità Portuale nei loro strumenti urbanistici, che non prevedono questo tipo di impianto che potrebbe rendere inattuabili altre ipotesi di sviluppo (il turismo, la portualità con la piattaforma logistica e il terminale RO-RO, i porti nautici e così via).
Perché il rigassificatore non risolverà la crisi occupazionale della città, né oggi e nemmeno in un prossimo futuro.

Perché Trieste non vuole essere ancora una volta sede dentro le dighe solo di impianti di energia in aggiunta a quelli già operativi. Il rigassificatore di Zaule viene presentato come strategico per la politica energetica dell'Italia, ma come si fa a dirlo se manca il Piano Energetico Nazionale e pur in presenza di una domanda energetica in calo e di ratei di utilizzo dei rigassificatori esistenti molto bassi? E sebbene i rigassificatori oggi operativi funzionino al 10% della loro potenzialità?

Perché negli ultimi trent'anni Trieste si è vista proporre solo progetti industriali analoghi: un mega terminale carboni (1981), la centrale ENEL da 1320 MW in valle delle Noghere (1986), gli stoccaggi di GPL in caverna a Muggia e in serbatoi interrati a Trieste (1990), l'ipotesi (1994) di spostare nel nostro golfo il traffico di petroliere da Venezia e oggi i rigassificatori. Possiamo dire che speriamo in un futuro diverso?

Perché ci sarà un maggiore inquinamento del golfo, dovuto alla tecnologia adottata dalla società che propone l'impianto di rigassificazione, che prevede l'utilizzo di acqua di mare opportunamente clorata. Per reazione tra cloro e sostanze organiche presenti nell'acqua di mare si formeranno schiume e di sostanze tossiche, come già verificato in impianti analoghi.

Perché si dovrà realizzare il gasdotto sottomarino che dovrebbe convogliare via mare il gas alla rete nazionale e alla successiva movimentazione delle navi. Questa attività determinerà il risollevamento nella baia dei sedimenti marini presenti fortemente contaminati, con aumento della concentrazione di sostanze inquinanti nelle acque e nella catena alimentare (ad esempio il mercurio nei prodotti ittici).

Perché il Comune di Trieste, di fronte a questi dati di fatto, deve attenersi al principio di precauzione, che consiglia la massima cautela a fronte di eventi conclamati ma dall'incerta ricaduta quantitativa.

Perché il rigassificatore di GNL rientra per sua tipologia tra gli stabilimenti in cui, a causa di sviluppi incontrollati durante la normale attività, potrebbero verificarsi incidenti rilevanti, quali emissioni massive di gas, incendi o esplosioni di grande entità. E da questi potrebbe derivare un pericolo grave per la salute umana.

Perché in merito alla determinazione del "rischio rilevante" il Comune non accetta di affidare la garanzia dell'incolumità dei cittadini alle conclusioni automatiche desunte da calcoli che fanno ritenere sicuro un impianto solo perché nei modelli matematici utilizzati sono stati implementati valori non realistici che riducono a zero le probabilità che si inneschi un evento dannoso di grande portata.

Perché un Amministrazione responsabile, nel caso del rigassificatore di Zaule, non può permettersi di accettare per i suoi cittadini questo concetto di sicurezza.

Perchè il Consiglio Comunale in una serie di delibere dal 2006 ad oggi ha già espresso il suo inequivocabile NO.


PER TRIESTE VOGLIAMO UN FUTURO DIVERSO!!



I gruppi di maggioranza in Consiglio comunale:
Partito Democratico
Sinistra Ecologia Libertà
Italia dei Valori
Federazione della Sinistra
Trieste Cambia
Cittadini per Trieste

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune di Trieste Dice no al Rigassificatore di Zaule. I perche'

TriestePrima è in caricamento