rotate-mobile
Cronaca

Cancro del colon-retto, la pandemia non ferma la prevenzione

Conclusa la campagna di Asugi e Lilt "La Prevenzione ti salva la vita". Un mese di incontri in diretta su Instagram e Facebook tra i rappresentanti le Amministrazioni Comunali e gli esperti

Si è appena concluso il mese di marzo, dedicato alla prevenzione del cancro del colon-retto, secondo tumore più frequente nelle donne e terzo negli uomini con 50.000 nuovi casi ogni anno in Italia. Ogni 25 minuti muore un italiano di questo cancro, di cui il fattore di rischio modificabile più importante è non fare lo screening. Il primo step del percorso di screening, organizzato dalle Regioni da 15 anni, è il test per la ricerca del sangue occulto, facile, gratuito, da fare nel bagno di casa propria a partire dai 50 anni ogni 2 anni. Un’arma formidabile che dopo 15 anni di attività ha portato ad una riduzione dell’incidenza del cancro colon-rettale >20% e della sua mortalità >30%.

La campagna

La Federazione Italiana Società Malattie dell’Apparato Digerente, Fismad, promuove proattivamente l’adesione allo screening e ha lanciato per il 2020-2021 una campagna di sensibilizzazione nazionale su tutti i mezzi di comunicazione, alla quale ha aderito anche la LILT nazionale-Ente Pubblico. Tale sensibilizzazione è tanto più necessaria in questo periodo caratterizzato dalla pandemia da Covid-19, che ha prodotto rallentamenti nelle attività non urgenti e nelle diagnosi, ma soprattutto ha portato paura nei cittadini a eseguire gli screening di secondo livello.

La Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori ha istituzionalizzato dal 2001 in marzo la Settimana Nazionale della Prevenzione Oncologica (SNPO) come una delle campagne fondamentali per diffondere la cultura della prevenzione come metodo di vita, essenziale per combattere il cancro. In occasione della SNPO dal 13 al 21 marzo 2021, prorogata da LILT-Ente Pubblico fino al 28 marzo per implementare la prevenzione a livello nazionale come da nota Ministeriale, la LILT della Provincia di Trieste ha sostenuto la Federazione, nonostante l’emergenza sanitaria in corso. In particolare, sono state messe in campo diverse iniziative di sensibilizzazione per rilanciare la necessità di fare prevenzione e aderire al programma di screening colorettale della Regione FVG.

Alla campagna hanno partecipato tutti i Comuni della Provincia attraverso: incontri in diretta su Instagram e Facebook tra i rappresentanti le Amministrazioni Comunali e gli esperti, Dott. Fabio Monica Direttore SC Gastroenterologia ASUGI, dott.ssa Carla Dellach, responsabile per ASUGI dei programmi di screening per la mammella e colonretto; visite di prevenzione gratuite di Gastroenterolgia e rubrica su Fb “Domande all’esperto” con la dott.ssa Catrin Simeth, Dirigente Medico SC Gastroenterologia ASUGI; divulgazione sui media (Tele4-Trieste in diretta, Diretta Radio RAI- RADAR, Il Piccolo e altre testate minori); incontro presso il Consiglio Regionale FVG che ha dato pieno sostegno alla campagna di screening e alla promozione della prevenzione.

Un gesto che può salvare la vita

"Si ringraziano - si legge nella nota stampa - i Comuni della Provincia e ASUGI che hanno patrocinato la SNPO 2021 e i testimonial d’eccezione, che si sono prestati gratuitamente per sottolineare con dei video, a cura della LILT Trieste, come fare prevenzione dopo i 50 anni sia un gesto semplice, rapido, indolore e gratuito e soprattutto possa salvare la vita: Marinella Chirico giornalista Rai, Susanna Huckstep Miss Italia 1984, Adriana Itri pittrice, Eugenio Dalmasson allenatore della Pallacanestro Trieste Allianz, Mauro Milanese, amministratore unico della Triestina Calcio, Andro Merkù imitatore, conduttore e giornalista (nei panni di Giuseppe Conte) e l’attore e conduttore televisivo Mauro Serio". Il mese si è concluso con la partecipazione straordinaria e gratuita di Flavio Furian e Maxino che con la loro comicità hanno voluto rilanciare per tutti i cittadini il claim della campagna di sensibilizzazione nazionale: “#Non è questione di culo.#FaiilTest”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cancro del colon-retto, la pandemia non ferma la prevenzione

TriestePrima è in caricamento