Mafia, il procuratore Da Raho: "Diversi segnali a Nordest"

Lo ha dichiarato il procuratore nazionale antimafia, a Trieste per gli Stati generali dell'Antimafia Nordest "Contromafiecorruzione" di Libera: "Laddove non sono apparentemente presenti è perché probabilmente non le si è cercate a sufficienza"

"Le mafie hanno un modo insidioso di graduale infiltrazione nei territori in cui si è meno predisposti a cogliere i segnali delle loro presenze". Lo ha dichiarato il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero De Raho, a Trieste per gli Stati generali dell'Antimafia Nordest "Contromafiecorruzione" di Libera.

Diversi segnali

Come riporta Ansa Fvg, il procuratore ha dichiarato che a Nordest "segnali ce ne sono stati diversi. Oggi le mafie sono sempre più affari e meno territorio. Eppure sono tantissimi i loro appartenenti presenti nel nord Italia. Laddove non sono apparentemente presenti è perché probabilmente non le si è cercate a sufficienza". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Armi nella società civile

Nella lotta alla mafia, ha osservato il presidente di Libera, don Luigi Ciotti, "a parole ci sono tutti, ma molte parole sono stanche: abbiamo bisogno di parole vere che si traducono in fatti e concretezza. Lo chiediamo alla politica del Paese, alle amministrazioni e alle istituzioni". Le "armi" per combattere la criminalità organizzata, ha ribadito il direttore della Dia, Giuseppe Governale, sono quelle "della società civile".

Don Ciotti a Trieste: "Il problema è la mafia, non i migranti"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: la console croata chiarisce la posizione del Paese

  • Intimano l'alt e gli puntano il fucile contro: la gita in bosco si trasforma in un incubo

  • Blocco unilaterale dei confini, Fedriga chiede l'intervento del Governo

  • Va a sbattere contro un cassonetto, brutto incidente in strada di Fiume

  • La Slovenia fa dietrofront: le frontiere apriranno gradualmente

  • La giunta "riscrive" il calendario delle feste: la Liberazione sarà il 12 giugno

Torna su
TriestePrima è in caricamento