Riqualificazione urbana, 18mln per opere nell'area periferica di Rozzol Melara

Via libera definitivo della Giunta comunale di Trieste al "Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie", con importanti interventi a beneficio delle strutture e delle condizioni di vita del grande complesso Ater

I contenuti dell'articolato progetto, che punta così a ottenere i consistenti contributi previsti da un recentissimo bando governativo nazionale per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie, sono stati valutati, approfonditi e condivisi con gli abitanti della zona (già ad inizio agosto la giunta Dipiazza aveva svolto uno specifico soprallugo-incontro sul posto) evitando di “calare progetti dall'alto” e per cercare di rispondere meglio alle reali e specifiche necessità di chi vive ed opera sul territorio.

La delibera approvata (che contiene tutte le relazioni, documentazioni e il cronoprogramma degli interventi) consente così di partecipare al Bando e puntare ai quasi 18 milioni di finanziamenti previsti  6,7 milioni di euro per interventi comunali, oltre 11 milioni per interventi Ater e 125 mila euro per interventi AcegasApsAmga). Le “tipologie” degli interventi – anch’esse in linea a quanto previsto e richiesto dal Bando nazionale – vanno dalle azioni per il miglioramento della qualità della vita e del decoro urbano ai progetti di manutenzione e per il riuso e rifunzionalizzazione delle aree e strutture edilizie esistenti (anche di alcuni spazi attualmente abbandonati), all’adeguamento delle infrastrutture stradali e delle loro connessioni verso l’esterno, agli interventi di risanamento ambientale e di riqualificazione energetica fino a quelli per una maggior sicurezza complessiva della zona. L'obiettivo è quello di dare una spinta fondamentale e cercare di superare le diverse criticità di un complesso di edilizia economico-popolare come il “Quadrilatero”, costruito alla fine degli anni '70, che ospita 650 alloggi con la presenza di circa 1200 abitanti.

In particolare il “Programma” elaborato dal Comune per Rozzol Melara – o meglio l’insieme delle diverse progettazioni che lo compongono – prevede una serie di interventi sulle parti comuni del  Quadrilatero”, sia interne che esterne. Tra i punti fondamentali la riqualificazione delle aree verdi esterne, con la possibilità di crearvi aree ludico-ricreative, e ciò anche grazie al recupero funzionale della grande autorimessa seminterrata già esistente (comprendente ben 456 posti auto) ma attualmente non utilizzabile per carenze inerenti l’antincendio e la videosorveglianza. Videosorveglianza che è previsto si estenda anche alle passeggiate interne per aumentare la sicurezza degli abitanti, scoraggiare atti vandalici, parcheggi selvaggi ecc.

Un altro significativo intento è poi quello di recuperare gli ampi spazi abbandonati e/o sottoutilizzati che si trovano lungo i collegamenti principali del complesso edilizio, anche rivitalizzando gli stessi, mediante l’inserimento di una attività culturale come una emeroteca-biblioteca di quartiere (da insediare in uno spazio attualmente inutilizzato all’interno del collegamento centrale, con circa 200 mq disponibili, su due livelli); una struttura questa che potrà diventare un importante elemento di aggregazione sia per i residenti che per i frequentatori del vicino complesso scolastico. 

Un ulteriore “capitolo” dell’ampio progetto generale prevede poi interventi di riqualificazione ambientale ed energetica degli edifici, un nuovo sistema che, oltre al “Quadrilatero”, dovrebbe coinvolgere anche il complesso scolastico comunale di via Forlanini e in prospettiva anche le Case di riposo di via Marchesetti. Inoltre – tornando al “Quadrilatero” e ancora in chiave di risparmio energetico - oltre all’impianto di climatizzazione è prevista la sostituzione completa dei serramenti per le “passeggiate” interne e parziale (secondo necessità) sugli alloggi. In particolare poi per il complesso scolastico viene previsto anche un intervento di consolidamento strutturale. In chiave di miglioramento dei servizi ambientali si provvederà inoltre a riqualificare e revisionare i punti di raccolta dei rifiuti urbani migliorando le 18 “isole ecologiche” presenti nell’area.

Una ulteriore e non trascurabile parte d' interventi riguarderà il miglioramento dei collegamenti pedonali e delle infrastrutture viarie, con l’obiettivo principale di “mettere a sistema” i servizi esistenti: le scuole (primarie e secondarie), il ricreatorio, le case di riposo, ma anche le aree verdi circostanti e lo stesso Parco di Villa Revoltella, collegandoli meglio, a beneficio di una loro miglior fruizione, a favore innanzitutto di mamme, anziani, giovani. Punto rilevante in tal senso sarà la sistemazione degli assi principali di scorrimento, ovvero le vie Forlanini e Marchesetti che necessitano anche di un adeguamento dei marciapiedi e della creazione di attraversamenti pedonali protetti. Tra le altre opere previste l’installazione di nuovi impianti elevatori sul lato di via Forlanini, la miglior qualificazione e frequentazione dell’intero complesso, con la “rivitalizzazione” dell’esistente anfiteatro di pietra, l’atteso ripristino del campo di bocce e il rafforzamento complessivo dell’illuminazione.

Ma il “dossier” tecnico che il Comune presenta a Roma per ottenere adeguati finanziamenti contempla anche una serie di importanti e attese opere per il Parco di Villa Revoltella per migliorare la  fruibilità di questo importante polmone verde. Si va dal decoro degli spazi interni alla sistemazione dei muri di sostegno, fino alla razionalizzazione degli antistanti spazi di sosta e al potenziamento della rete fognaria per un miglior contenimento di quelle acque meteoriche che hanno già prodotto numerosi danni alle strutture interne del Parco

L’insieme di questo vasto Programma di opere sarà puntualmente inviato a Roma per partecipare, si confida con il miglior esito possibile, al Bando nazionale emesso dal Governo e che, come noto, scade il 30 agosto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade in acqua con la gamba fratturata: salvato "per miracolo" in porto

  • Auto con 5 persone si cappotta a Santa Croce: tre minori al Burlo

  • Piacenza-Triestina 1 a 2 | Le pagelle: bum bum Maracchi, l'Unione espugna Piacenza

  • “Era il ‘Bronx’, oggi è un gioiello” l'evoluzione di borgo San Sergio per i residenti (FOTO)

  • Inseguiti a Rabuiese, gettano dal finestrino la marijuana: in manette tre giovani

  • Camioncino Acegas si schianta contro un muro in via Sottomonte

Torna su
TriestePrima è in caricamento