rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Dopo la tragedia

Slovenia: aveva commesso un omicidio nel 2001, riconosciuto il corpo 22 anni dopo

Lo annuncia la polizia di Capodistria. Il fatto di sangue era avvenuto a Ilirska Bistrica, dove l'uomo aveva ucciso la compagna. Grazie alla recente creazione di un database dei parenti delle persone scomparse è stato possibile riconoscere l'uomo, che aveva fatto perdere le tracce, in un corpo trovato nel 2008

Aveva commesso un omicidio 22 anni fa nei pressi di Ilirska Bistrica in Slovenia, ma solo oggi la Questura di Capodistria annuncia che l'uomo è stato riconosciuto in un cadavere trovato nel 2008. Il delitto era stato commesso l'11 luglio del 2001: il 49enne era entrato con la forza nel condominio dove all'epoca abitavano la sua compagna e la figlia di un anno. Lì aveva ucciso la donna con un'arma da fuoco, per poi recarsi al vicino confine con la Croazia, abbandonare l'auto e far perdere le tracce.

La vettura è stata trovata subito dalla polizia, che non è però riuscita a rintracciare l'omicida negli anni successivi. Così, nel 2016, un tribunale ha dichiarato morto il 49enne. L'anno scorso è stato istituito un database internazionale dei profili del DNA dei parenti delle persone scomparse e grazie a questo strumento la polizia è riuscita a identificare l'autore del delitto in un corpo non identificato trovato nell'aprile del 2008 in una capanna bruciata in Slovacchia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Slovenia: aveva commesso un omicidio nel 2001, riconosciuto il corpo 22 anni dopo

TriestePrima è in caricamento