Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca Via Antonio Gramsci

Parcheggia sul posto riservato agli invalidi ed espone il contrassegno… ma non ne ha diritto

17.46 - Sorpresa dalla Polizia Locale giunta dopo una segnalazione, si è vista multare e revocare il permesso

La mancanza di rispetto e di sensibilità si manifestano in tema di parcheggi per disabili, anche dove la legge garantisce dei diritti, prevede delle tutele e stabilisce precise sanzioni a punire i trasgressori. La Polizia Locale, da sempre sensibile a queste tematiche, quotidianamente, su iniziativa o su segnalazione di cittadini, provvede a verificare la legittimità di chi sosta in questi spazi con azioni mirate sugli stalli riservati ai disabili e sull’utilizzo corretto dei relativi contrassegni.

Alcune sere fa la Sala Operativa, su segnalazione di un cittadino, ha inviato una pattuglia in via Gramsci dove era stata segnalata l'occupazione di un parcheggio invalidi personalizzato: all'arrivo degli operatori, il parcheggio era effettivamente occupato da una Mercedes con esposto un contrassegno invalidi generico. Quindi l'auto è stata sanzionata.

Dopo una serie di controlli in zona la pattuglia ha però sorpreso la conducente della Mercedes mentre saliva a bordo dell'auto. Una volta fermata ed effettuate tutte le verifiche del caso è emerso che questa, F. S. di 65 anni, di nazionalità polacca, aveva utilizzato senza titolo il permesso esposto sul veicolo essendo questo intestato ad altra persona, non presente a bordo del veicolo. Alla donna è stata contestata l'infrazione e contestualmente ritirato il permesso.

«Il fine principale di questi controlli - spiega nel comunicato la Polizia Locale - è proprio quello di tutelare chi ha veramente bisogno del permesso per una migliore mobilità (e qualità della vita) e, contemporaneamente, di combattere l'odioso comportamento di chi sfrutta l'invalidità di un parente a proprio vantaggio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parcheggia sul posto riservato agli invalidi ed espone il contrassegno… ma non ne ha diritto

TriestePrima è in caricamento