Cronaca

Non si fermano all'alt della Polizia Locale: guai per due scooteristi ubriachi

Tornano i pattuglioni notturni della Polizia Locale: lo scorso sabato gli operatori erano in largo Pestalozzi dove hanno fermato (con doppio inseguimento) tre conducenti alla guida sotto alterati dall'alcol. Per loro il ritiro della patente e la sanzione, ma anche il sequestro del mezzo

«Una notte turbolenta, quella dello scorso sabato sera, ma anche una conferma della necessità di programmare controlli speciali sulle strade, in particolar modo nel fine settimana, quando più d'uno alza il gomito e si mette alla guida di un veicolo mettendo in serio pericolo l'incolumità altrui e la propria». La Polizia Locale ha ripreso a disporre sul campo i pattuglioni notturni per fare la propria parte nel tentativo di ridurre degli incidenti ma soprattutto dei morti sulle strade, «che – ricordano nella nota stampa - sono ormai quasi esclusivamente motociclisti e pedoni».

Sabato sera i pattuglioni si sono sistemati in largo Pestalozzi verso mezzanotte. Il conducente di uno scooter Piaggio - con a bordo una passeggera – al segnale dell'alt ha ben pensato di cambiare direzione e scappare verso via Molino a Vento: la fuga è finita in viale Ippodromo, dov'è stato raggiunto e fermato dagli operatori della Polizia Locale. L'uomo, C.S. di 46 anni, chiaramente ubriaco (quasi 5 volte oltre il minimo di legge: 2,36 g/l e 2,43 i valori dell'etilometro), era anche recidivo per lo stesso illecito penale: solo il giorno prima gli era stata restituita la patente di guida in via temporanea, per soli tre mesi. Lo scooter è stato poi affidato al proprietario, fatto arrivare sul posto.

Fatto analogo e quasi in contemporanea al primo, protagonista un altro scooter: il conducente decide di ignorare l'alt e tentando maldestramente la fuga, sbatte contro la paletta d'ordinanza, rompendola. Il nuovo inseguimento finisce in via della Pace: anche qui conducente ubriaco (S.L., 42enne, tasso di alcool nel sangue: 1,24 e 1,15) più veicolo senza revisione. A questi illeciti si è aggiunta la velocità non commisurata e la resistenza a Pubblico Ufficiale, il sequestro del mezzo e il ritiro della patente.

Terza guida in stato di ebbrezza, ma questa volta un'Honda Civic condotta da C.M. di 58 anni: le due prove hanno registrato valori per 0,80 e 1,12. Sanzione amministrativa da 532 euro e ritiro della patente di guida.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non si fermano all'alt della Polizia Locale: guai per due scooteristi ubriachi

TriestePrima è in caricamento