menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pesca: vademecum stagione sportiva 2018 nelle acque interne Fvg

Nella zona A del territorio regionale, l'area a sud della statale 14, si può pescare tutto l'anno, e per la zona B, a nord della statale 14, la stagione inizierà l'ultima domenica di marzo

Si è aperta lunedì scorso, 1 gennaio, la stagione della pesca sportiva 2018 nelle acque interne del Friuli Venezia Giulia per la zona A del territorio regionale, quella in cui si può pescare tutto l'anno e che è rappresentata dall'area a sud della statale 14. Per la zona B, a nord della statale 14, la stagione inizierà l'ultima domenica di marzo.

I pescatori interessati a praticare l'attività dai primi giorni dell'anno dovranno versare (con la procedura online, su moduli personalizzati che possono ritirare presso l'ex Ente tutela pesca o su moduli in bianco che si trovano presso gli uffici postali) il canone previsto, che è il medesimo dell'anno 2017. Il calendario della pesca sportiva (Cps) e i libretti annuali ricognitivi (Lar) sui quali annotare le uscite e le catture non sono ancora disponibili in forma cartacea, ma il Lar, del quale ogni pescatore deve essere dotato, può essere scaricato dal sito dell'Ente tutela pesca e deve essere compilato in ogni sua parte.

Il libretto provvisorio resterà valido per tutto il mese di gennaio e comunque fino a quando non saranno disponibili i Lar cartacei. Da quel momento, inizio febbraio, ogni pescatore dovrà utilizzare il Lar vero e proprio, la cui mancanza, in caso di controlli, potrà essere sanzionata. Nonostante dal 1 gennaio l'Ente tutela pesca (Etp) sia cessato e vi sia subentrato l'Ente tutela patrimonio ittico (Etpi), il logo Etp, come la stessa legge ha previsto, può continuare a essere utilizzato nei supporti informatici, cartacei e materiali in attesa della loro sostituzione progressiva. Pertanto i bollettini di versamento e altri materiali riportanti i loghi o riferimenti di Etp sono validi anche in futuro. Inoltre è proprio dal sito web www.entetutelapesca.it che si possono scaricare i moduli per i Lar provvisori.

In dettaglio, per quanto riguarda la zona B, la stagione della pesca si aprirà alle 7 dell'ultima domenica di marzo per concludersi l'ultima domenica di settembre. È tuttavia consentita la pesca fino al 31 ottobre nei laghi di Barcis, Ravedis, Vajont, Pramollo, Cavazzo, Sauris, Verzegnis, Ravascletto e Cavazzo. Nel calendario della pesca sportiva nelle acque interne del Friuli Venezia Giulia sono puntualmente riportate le norme di protezione delle specie ittiche. In tutte le acque della regione, è vietato pescare e trattenere l'anguilla dal 1 gennaio alle ore 7 dell'ultima domenica di marzo e dalle ore 24 dell'ultima domenica di settembre al 31 dicembre, con eccezione del canale Brancolo e in tutti i suoi affluenti, dove il divieto vige tutto l'anno.

Il barbo non può essere pescato e trattenuto dal 15 maggio al 15 giugno, la trota e il salmerino dal 1 gennaio, alle ore 7 dell'ultima domenica di marzo e dalle ore 24 dell'ultima domenica di settembre al 31 dicembre, il temolo, dal 1 gennaio al 31 maggio e dalle ore 24 dell'ultima domenica di settembre al 31 dicembre. Di carpe (Cyprinus carpio), tinche (Tinca tinca) e lucci (Esox spp.) è ammesso annualmente il trattenimento di un solo esemplare per ciascun pescatore. Sono vietate la pesca dello storione e la cattura dei gamberi d'acqua dolce. Gli esemplari di gambero rosso della Luisiana (Procambarus clarkii) catturati accidentalmente devono essere tutti trattenuti, soppressi e possibilmente consegnati all'autorità della pesca, cui va segnalata tempestivamente la constatazione di mortalità anomale di gamberi di acqua dolce.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

social

Cucina di mare: la ricetta delle canocie in busara

Cura della persona

Scrub fai da te: la ricetta super naturale per labbra perfette

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento