menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Passeur arrestato dalla Polizia: fermati anche due immigrati irregolari

Il cittadino italiano è stato arrestato durante un servizio di controllo del territorio volto al contrasto dell’immigrazione clandestina presso la Grande Viabilità Triestina e precisamente al confine italo/sloveno di Rabuiese

La Polizia di Stato di Trieste, nel fine settimana, durante un servizio di controllo del territorio volto al contrasto dell’immigrazione clandestina presso la Grande Viabilità Triestina e precisamente al confine italo/sloveno di Rabuiese, ha tratto in arresto un cittadino italiano, di origine Kosovara, M.H. 42enne, per aver introdotto dei clandestini all’interno del territorio nazionale. A fermarlo sono stati gli agenti della Squadra Mobile giuliana. L’uomo attualmente si trova nel carcere di via del Coroneo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, mentre il la vettura è stata sottoposta a sequestro.

Gli agenti operanti hanno notato transitare dal valico di Rabuiese, in entrata Stato, un’autovettura MARCA Volkswagen Golf, con targa italiana, a bordo della quale, oltre all’autista, vi era anche la presenza di due passeggeri con tratti somatici dell’est Europa. Riscontrato un’incremento di migrazione clandestina dai Paesi balcanici che sfrutta mezzi con targa italiana per favorire l’ingresso dei medesimi, il personale operante ha deciso di effettuare un normale controllo del mezzo e dei suoi occupanti.

Dal controllo si è appurato che i passeggeri dell’autovettura, un cittadino albanese e uno kosovaro, risultavano irregolari in territorio nazionale: in particolare, il cittadino albanese risultava inammissibile in territorio Schengen e sprovvisto di qualsiasi autorizzazione a farvi ingresso, mentre il secondo era sprovvisto di qualsiasi documento idoneo per fare ingresso in territorio nazionale. In considerazione degli eventi appariva verosimile ritenere che il M.H. avesse agevolato l’ingresso dei due uomini sul territorio nazionale, per cui si procedeva all’arresto e all’accompagnamento in carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Appartamento piccolo? I segreti per farlo sembrare più grande

Alimentazione

Utensili e stampi da forno in silicone: rischi per la salute

social

Il Monviso fotografato da 270 chilometri: la foto è subito virale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Veicoli Commerciali

    Mezzi pesanti: regole e limiti di velocità

  • Scuola

    Metodo di studio: i consigli per memorizzare in poco tempo

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento