menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Presidio Pubblico Domani per Dire no al Rigassificatore

Riceviamo dall'ufficio stampa del comune di Muggia e pubblichiamo:Domani 14 marzo dalle ore 10 alle 11:30 presidio presso l'entrata del centro commerciale "il Giulia", contemporaneamente allo svolgersi della riunione presso la Direzione Regionale...

Riceviamo dall'ufficio stampa del comune di Muggia e pubblichiamo:

Domani 14 marzo dalle ore 10 alle 11:30 presidio presso l'entrata del centro commerciale "il Giulia", contemporaneamente allo svolgersi della riunione presso la Direzione Regionale per l'Ambiente sulla concessione o meno dell'Autorizzazione Integrata Ambientale al rigassificatore di Zaule.

Queste le ragioni del presidio:

Il Comune di Muggia ed il Comune di San Dorligo della Valle/ Dolina non possono e non vogliono venir meno al proprio dovere di portavoce di una volontà popolare assolutamente contraria al rigassificatore!

Il progetto per la realizzazione di questo impianto è stato presentato dalla società Gas Natural Internacional SDG SA nel 2004 e sin da subito -e tutte le volte che è stato possibile- i Comuni di Muggia e di Dolina hanno espresso all'unanimità parere negativo. Opposizione motivata da ragioni di ordine ambientale, per motivi di sicurezza ed anche perché questo impianto pregiudica lo sviluppo economico pulito delle nostre zone impedendo, per esempio, l' espansione del Porto nella zona del canale navigabile.

Da sempre i Comuni hanno lavorato assieme alle associazioni ambientaliste e ai comitati dei cittadini esprimendo la propria decisa disapprovazione.
Anche il vicino stato sloveno in considerazione dell'impatto transfrontaliero ha espresso opposizione al progetto.

Sono state inoltre evidenziate numerose e gravi irregolarità nella documentazione presentata dalla società Gas Natural che hanno indotto i Comuni di Muggia e Dolina e le associazioni ambientaliste a presentare sia ricorsi al Tar che un esposto alla Procura della Repubblica.

Allo stato attuale è già stata apposta la firma sul decreto che conclude la procedura di Valutazione Impatto Ambientale sul rigassificatore di Zaule con giudizio favorevole se pur con prescrizioni.

Manca quindi solo l'autorizzazione definitiva che potrebbe essere data in una prossima conferenza dei servizi tra gli enti interessati che potrebbe seguire quella che si svolge oggi che ha invece un carattere tecnico.
I Comuni hanno chiesto di poter partecipare a queste conferenze per poter far sentire la voce di propri cittadini.
Questo diritto è stato negato ed è per questo che noi oggi siamo qui!

Tutti i Comuni, Trieste compresa, ed anche la Provincia, hanno espresso la loro ferma opposizione al progetto.

A questo punto chi decide è la Regione assieme allo Stato: chiediamo che non si autorizzi un'opera non solo pericolosa e fortemente impattante sul nostro territorio, ma anche che precluderebbe uno sviluppo economico basato sulle attività portuali che rappresentano una delle più importanti possibilità che queste terre hanno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Risi e bisi: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento