Cronaca

Raggiunto lo speleo ferito, non è in pericolo di vita

Le squadre del Soccorso Alpino e Speleologico si trovano ora all'interno della Grotta Noè con due infermieri speleologi che hanno stabilizzato il ferito in attesa dell'arrivo del medico specializzato dalla Slovenia. La notizia è in aggiornamento

È di Tolmezzo ed ha sessantanni, C. S. le sue iniziali, lo speleologo rimasto ferito all'interno della Grotta Noè  nella tarda mattinata di domenica 27 gennaio. Le squadre del Soccorso alpino e speleologico si trovano ora all'interno della Grotta con due infermieri speleologi che hanno stabilizzato il ferito in attesa dell'arrivo del medico specializzato dalla Slovenia. L'uomo è precipitato sul fondo dell'abisso ad una profondità di 50 metri dopo essere caduto da una altezza di 4 metri mentre si stava calando lungo la corda: non sembra presentare traumi alla spina dorsale e non è in pericolo di vita. La grotta è una dolina sprofondata a cielo aperto con una profondità massima di 50 metri ed un diametro di 80. Per la chiusura dell'intervento si prevedono ancora circa due ore. Sul posto anche i Carabinieri, i Vigili del Fuoco e l'ambulanza. All'interno della Grotta si sono calati sette uomini tra tecnici e infermieri.

Qui sotto un'immagine della grotta

IMG-20190127-WA0008-2

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raggiunto lo speleo ferito, non è in pericolo di vita

TriestePrima è in caricamento