Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca Corso Italia

Rapina in gioielleria: 10 giorni di prognosi per Furio Rizzardi. Si cercano ancora i rapinatori

10.54 - Colpito alla testa con una scacciacani e al volto con i pugni. I malviventi hanno portato via solo un orologio da oltre 1000 euro

Prima un colpo alla testa con il calcio di una pistola scacciacani, poi pugni al volto per farlo stare zitto mentre loro cercavano di arraffare gioielli e scappare: nonostante questi colpi, Furio Rizzardi, il titolare della gioielleria "Oro & Argento Dante", nella galleria Rossoni (che collega via degli Artisti con corso Italia), ha cercato di attirare l'attenzione dei passanti e dei negozianti vicini, ha chiuso la porta del suo negozio intrappolando gli aggressori, ma alla fine ha dovuto desistere e consentire loro l'uscita.

Non si è però dato per vinto, ha cercato di inseguirli, ma poi le forze gli sono mancate, anche a causa del sangue uscito dalla ferita alla testa. Nel frattempo comunque, colte le richieste di aiuto, erano giunte diverse segnalazioni al 113, ma le ricerche degli agenti della Squadra Volante della questura intervenuti hanno dato esito negativo. Sul posto è giunto anche un'ambulanza del 118 per soccorrere Rizzardi che è poi stato trasportato a Cattinara, dal quale è stato dimesso con una prognosi di 10 giorni.

Alla gioielleria sono poi giunti gli operatori della Polizia scientifica per il rilievo delle impronte e la raccolta dei video di sorveglianza della zona. I due hanno effettuato il colpo a volto scoperto, il che potrebbe agevolare le indagini della Squadra Mobile che è sulle loro tracce.

Dopo gli accertamenti e il racconto del titolare, che in un primo momento a causa dello choc e della ferita non ricordava nulla, si è quantificato anche il bottino: un solo orologio del valore superiore ai 1000 euro è stato rubato dai malviventi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina in gioielleria: 10 giorni di prognosi per Furio Rizzardi. Si cercano ancora i rapinatori

TriestePrima è in caricamento