rotate-mobile
Altro episodio di cronaca / Cologna - San Giovanni / Via Giulia

Rapina in sala giochi, poi calci e pugni alla polizia: in manette due giovani

L'episodio alquanto movimentato è avvenuto la scorsa domenica nei pressi di via Giulia, all'altezza dell'entrata del giardin pubblico De Tommasini. La coppia di aggressori fermata poco lontano dal luogo del fatto

TRIESTE - Sono finiti in carcere con l'accusa di concorso in rapina, lesioni, violenza e resistenza a pubblico ufficiale i due giovani stranieri che nella mattinata di domenica 5 marzo all'interno della sala giochi di via Giulia hanno aggredito e rapinato un coetaneo. I due, rispettivamente del 2004 (M.A. le iniziali) e del 1991 (K.S. le iniziali), sono stati fermati da personale della Polizia Locale di Trieste in una via limitrofa al giardino pubblico De Tommasini. Gli agenti di una pattuglia avevano da poco notato un ragazzo ferito, colpito da "numerosi calci e pugni" e senza più l'orologio, strappato dalla coppia di aggressori. Subito dopo quindi la richiesta di supporto e il fermo dei due. A dire il vero l'arresto è stato particolarmente movimentato. I due, infatti, hanno avuto una reazione molto violenta, sferrando calci e pugni al personale della Locale, oltre che ai mezzi d'ordinanza. Dopo essere stati accompagnati in caserma per le pratiche di rito, i due giovani sono stati trasferiti nel carcere di via Coroneo, a disposizione dell'autorità giudiziaria. L'aggredito, alla quale è stato restituito l'orologio, è stato portato dall'ambulanza al pronto soccorso dove i medici hanno diagnosticato un trauma facciale e abrasioni agli arti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina in sala giochi, poi calci e pugni alla polizia: in manette due giovani

TriestePrima è in caricamento