menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ripristino Tramway in Porto Vecchio, continua il successo della petizione: verso le 4.000 sottoscrizioni

La boa delle 3000 firme e sta velocemente proseguendo verso quella delle 4000. Un successo trasversale incredibile che ha stupito gli stessi promotori di Ferstoria

La petizione on line su www.change.org e cartacea creata per ripristinare e sviluppare, sui binari già esistenti fino a Barcola, il Tramway TPV ha girato, è proprio il caso di dirlo visto il clima barcolana, la boa delle 3000 firme e sta velocemente proseguendo verso quella delle 4000. Un successo trasversale incredibile che ha stupito gli stessi promotori di Ferstoria.

Leandro Steffè presidente di Ferstoria: “Il numero delle firme raccolte in poco più di un mese, agosto incluso, e il continuo aumento delle stesse indica quanto questo tipo di trasporto pubblico locale e turistico, gestito operativamente da Trieste Trasporti e infrastrutturalmente dall’Autorità Portuale di Trieste, sia stato apprezzato dalla cittadinanza nonostante il limitato periodo sperimentale di 8 fine settimana nel quale il servizio è stato svolto e la mancanza totale di un azione promozionale. Questo a totale conferma delle ipotesi progettuali di esercizio”.

Varie sono state le richieste apparse sugli organi di stampa e televisivi di ripresa del servizio e del suo naturale completamento fino alle società nautiche di Barcola passando per gli stabilimenti balneari eliminando così una notevole quantità di traffico su gomma.

Le ipotesi fatte dalla giunta comunale di trasferire al magazzino 26 alcune realtà museali e di rendere permanente l’eccezionale mostra del Lloyd Triestino non fanno altro che rafforzare il ruolo che il Tramway TPV potrà avere per il futuro polo museale del porto Vecchio, come anche per spettacoli quali Luci e Suoni al quale è mancato proprio il servizio trasporto del pubblico, oppure per il futuro fish market. Ricordando come il Tramway TPV stesso sia un museo circolante con i due locomotori che sono la testimonianza perfettamente viaggiante dell’industria del mare, uno dell’Autorità Portuale e uno del Museo Ferroviario già della Fabbrica Macchine Sant’Andrea ora Wartsila, che ha reso fiorente e famosa Trieste.

L’auspicio è che il servizio, ricordando come durante la Barcolana 2015 abbia trasportato più di 20.000 persone, riparta in occasione della imminente edizione 2016, offrendo così un ulteriore attrazione culturale e turistica per la nostra città e venga fatto in futuro funzionare in occasione di eventi culturali e per la stagioni estive.  Il presidente Steffè non nasconde un sogno segreto: “visto il crescente successo che queste iniziative hanno in tutti i paesi turisticamente evoluti, riuscire il prossimo anno proprio in occasione della Barcolana ad effettuare il servizio anche con una piccola locomotiva a vapore che Ferstoria assieme agli amici friulani dell’associazione Vecchi Binari FVG sono in procinto di restaurare: più trasversale di cosi! “        

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

"Paga per sbloccare il pacco": la nuova truffa via sms

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Fvg resta in zona arancione

  • Cronaca

    Covid: quasi 5 mila controlli nell'ultima settimana, 37 le sanzioni

  • Cronaca

    In giro con coltello a serramanico: denunciato

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento