menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rischio erba velenosa nei fagiolini Eurospin

Anche a Trieste l'azienda ritira "in via precauzionale" le buste che potrebbero contenere tracce di 'datura' o 'erba del diavolo'. Può provocare vomito e reazioni cutanee, altamente tossica in grandi quantità. Chi ha acquistato il prodotto potrà riportarlo al punto vendita

Possibile presenza di un'erba velenosa nei fagiolini finissimi surgelati 'Delizie del sole', distribuiti da Eurospin Italia Spa e l'azienda, "in via precauzionale", ritira gli interi lotti per rischio chimico anche nei punti vendita di Trieste. Il provvedimento è partito in seguito a un richiamo del Ministero della Salute con la richiesta di togliere al più presto il prodotto dagli scaffali. La notizia è stata diffusa oggi, 3 marzo, dallo Sportello dei Diritti ONLUS e confermata dagli avvisi affissi alle porte dei punti vendita triestini. 

I lotti "incriminati"

In particolare si tratta dei lotti 9043M e 9043MX, che contengono buste da 600 grammi con la data di scadenza 02/2021 e 01/2021. Eurospin, tramite avvisi in tutti i punti vendita, raccomanda ai clienti che avessero acquistato il prodotto, di non consumarlo e riportarlo al punto vendita, dove sarà rimborsato o sostituito.

L'"Erba del diavolo"

Lo Sportello dei diritti aveva infatti segnalato per primo al Ministero lo stesso prodotto venduto in Francia da Carrefour e confezionato dall’azienda Greenyard Frozen France sas di Moreac, segnalazione partita per la possibile contaminazione con tracce di 'Datura stramonium', detta anche stramonio comune o 'erba del diavolo' e addirittura 'erba delle streghe', per le sue proprietà allucinogene. 

Effetti per la salute

Si tratta di una pianta infestante il cui consumo può portare a intossicazione, con sintomi quali arrossamenti cutanei, allucinazioni, nausea e vomito, tachicardia, ipertensione e malessere generale. In casi estremi può portare anche a convulsioni, coma e morte.

Lo "Sportello dei diritti" raccomanda

Nella nota diffusa dal presidente dello "Sportello dei diritti" Giovanni D'Agata, si ricorda che "la procedura di richiamo riguarda solo i lotti in questione anche se è opportuno comunque prestare attenzione nel caso in cui aprendo la confezioni si ravvisi la presenza di un'erba estranea ai fagiolini".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Appartamento piccolo? I segreti per farlo sembrare più grande

Alimentazione

Utensili e stampi da forno in silicone: rischi per la salute

social

Il Monviso fotografato da 270 chilometri: la foto è subito virale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Veicoli Commerciali

    Mezzi pesanti: regole e limiti di velocità

  • Scuola

    Metodo di studio: i consigli per memorizzare in poco tempo

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento