Cronaca

Si getta in mare per la seconda volta: l'uomo salvato da Gallo viene nuovamente soccorso

Il cinquantenne triestino questa volta è stato salvato da un gommone grazie al pronto intervento dell'allenatore della squadra di canotaggio

foto di repertorio

Sembra sia stato invano il gesto eroico del giovane Alessandro Gallo che venti giorni fa si gettò in mare per salvare un uomo in pericolo. Infatti lo stesso cinquantenne triestino ha tentanto nuovamente di farla finita. Non è stato un incidente nemmeno la prima volta quindi. La persona in questione è seguita dagli esperti in salute mentale dell'AsuiTs: una persona instabile che però sembra sia nata sotto una stella fortunata.

Verso le ore 9.00 della giornata di ieri, 5 gennaio, si è gettato per la seconda volta nelle acque gelide nei pressi del Molo Audace. Questa volta è stato salvato dalla squadra di canottaggio che ha visto l' accaduto e ed un carabiniere. L'uomo è stato visto inizialmente da Lorenzo Tedesco e Piero Sfiligoi (atleti azzurri del Saturnia) che trovandosi nelle vicinanze hanno pensato di avvicinarsi ulteriormente per cercare di farlo salire sulla loro barca. Non riuscendoci, hanno chiamato immediatamente il  loro allenatore Mario Cirello che li ha raggiunti con un gommone a bordo del quale è salito anche un carabiniere della pattuglia carabinieri del Radiomobile avvisata da un passante.

Riportato a riva, un'ambulanza lo ha trasportato all'ospedale di Cattinara dove è stato ricoverato nel reparto di terapia d'urgenza

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si getta in mare per la seconda volta: l'uomo salvato da Gallo viene nuovamente soccorso

TriestePrima è in caricamento