rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
A Sistiana / Duino Aurisina - S. Croce / Località Sistiana

Appartamento distrutto dalle fiamme, il comune la ospiterà in una casa confiscata

La persona residente nel comune di Duino Aurisina è stata vittima di un incendio che le ha bruciato la casa. I vigili del fuoco l'hanno dichiarata inagibile. Il Comune ha pensato di offrire la disponibilità di una casa che dodici anni fa era stata confiscata all'interno di un procedimento giudiziario per riciclaggio di denaro e sostanze stupefacenti. Gabrovec: "E' la prima volta che viene riattivata in tutti questi anni"

SISTIANA (Duino Aurisina) - Ora si trova a casa di amici perché il suo appartamento è stato dichiarato inagibile dai vigili del fuoco, ma la sua vicenda potrebbe sbloccare una situazione che va avanti da anni. La storia è quella di una persona residente nel comune di Duino Aurisina che, nella giornata di sabato 28 gennaio, ha visto parte del suo appartamento andare in fiamme a causa di un incendio divampato da una stufa a pellet malfunzionante. L'amministrazione comunale, informata dei fatti, si è prontamente attivata per trovarle un alloggio temporaneo, in segno di solidarietà concreta. "Stiamo lavorando per individuare una soluzione, abbiamo attivato i Servizi sociali" così il sindaco Igor Gabrovec, contattato da TriestePrima. 

Tra le ipotesi al vaglio c'è anche quella di riaprire le porte di un appartamento che dodici anni fa era stato confiscato ad una persona condannata per riciclaggio di denaro e reati in materia di stupefacenti. Nelle sue ingenti disponibilità patrimoniali c'era anche una casa nel tranquillo comune carsico, più precisamente in località Sistiana. L'estate scorsa, a causa di un intervento sull'impianto elettrico e sul contatore, le luci dell'appartamento erano tornate in funzione. Per questo motivo, pensando che qualcuno fosse rientrato nell'abitazione di nascosto, il primo cittadino aveva allertato le forze dell'ordine. Nell'occasione, dopo la chiamata alla polizia locale, erano intervenuti i carabinieri della stazione di Aurisina. In casa, tuttavia, non era stato trovato nessun criminale di ritorno. 

Dopo oltre dieci anni, l'appartamento confiscato ad una persona condannata per reati gravi potrebbe tornare ad ospitare qualcuno. Questa volta però niente riciclaggio di denaro o condanne per reati vicini alla criminalità organizzata, ma "solo" il gesto di solidarietà dell'amministrazione comunale nei confronti di una persona sfortunata. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appartamento distrutto dalle fiamme, il comune la ospiterà in una casa confiscata

TriestePrima è in caricamento