Spacciavano marijuana in un bar del centro: beccati in flagrante dai Carabinieri

Si tratta di due disoccupati, uno triestino ed uno di origine campana, già noti alle forze dell'ordine. Entrambi sono finiti ai domiciliari

Due disoccupati, un triestino di 51 anni e uomo di origini campane di 58 anni, sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti nella serata di giovedì 25 giugno. I due, già noti per pregresse analoghe vicende, sono stati "beccati" dai Carabinieri in flagranza di reato.

L'arresto

In seguito ad una segnalazione giunta da alcuni cittadini, circa la presenza sospetta di un uomo e di una donna all’interno di un bar del centro cittadino è stato immediatamente attivato dai militari un servizio di sorveglianza, dove è stata effettivamente constatata la presenza della coppia in questione. Quest'ultima è stata in seguito raggiunta dal 51enne triestino che aveva concordato con il suo complice un incontro finalizzato alla vendita di stupefacente, come emerso dagli immediati accertamenti svolti dai Carabinieri, tra cui le perquisizioni dei domicili delle persone coinvolte.

La perquisizione

L’esito delle perquisizioni ha dato i suoi frutti, in quanto presso la casa della persona di origini campane sono stati trovati 170 grammi circa di marijuana, già pronta per lo spaccio sulla piazza triestina, mentre presso l’abitazione del 51enne triestino sono stati trovati ulteriori 50 grammi di marijuana, un bilancino di precisione e numerose bustine di plastica per il confezionamento di dosi, il tutto posto in sequestro, unitamente alla somma contante di 1.100 € rinvenutagli addosso, ritenuta essere il provento del loro traffico illecito. I due sono stati perciò arrestati e posti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni, secondo le prescrizioni del Pubblico Ministero di Turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trieste, immediatamente informato. Inoltre, una delle altre due persone controllate nel bar è stata trovata in possesso di una dose di marijuana, detenuta per uso personale, venendo quindi segnalata alla locale Prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti. All’esito dell’udienza, tenutasi nella mattina del 29 giugno, il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Trieste ha convalidato entrambi gli arresti e disposto la misura della custodia cautelare in carcere nei confronti dei due indagati, che è stata immediatamente eseguita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

  • Il Wi-Fi in casa è pericoloso per la salute: l'Iss fa chiarezza

  • Indietro fino ad inizio ottobre, nei 1432 positivi di oggi "pesano" i dati di Insiel

Torna su
TriestePrima è in caricamento