rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Maurizio Bucci si è dimesso

L'Assessore al Turismo del Comune di Trieste dopo la condanna della Corte d'Appello: "questa sentenza avversa in appello mi obbliga a difendermi davanti la Cassazione in difesa del mio onore". Le inevitabili dimissioni accettate dal sindaco Roberto Dipiazza

L'Assessore al Turismo del Comune di Trieste Maurizio Bucci si è dimesso. La decisione del membro della Giunta è stata presa dopo la sentenza della Corte di Appello di Trieste che ha condannato Bucci alla pena di un anno, otto mesi e 20 giorni per il caso "rimborsopoli". L'assessore comunale ha affermato che "sia per il rispetto che ho nelle istituzioni e del buon lavoro svolto in questa amministrazione comunale, per evitare speculazioni di ogni tipo e nel massimo rispetto delle istituzioni, ho ritenuto opportuno e corretto rimettere le mie deleghe nelle mani del Sindaco".

Le dimissioni inevitabili

La dichiarazione di Bucci arriva in modo inevitabile vista la posizione che l'assessore ricopriva nella giunta. "Tranquillo del mio operato da amministratore pubblico nel rispetto delle regole confermate dall'assoluzione a formula piena della Corte dei Conti e proscioglimento  penale in primo grado - ha concluso Bucci -  fiducioso nell'operato della giustizia, questa sentenza avversa in appello mi obbliga a difendermi davanti la "Cassazione" in difesa del mio onore". In tarda serata l'avvocato Brogna che difende anche Gaetano Valenti e Piero Camber aveva affermato che "bisogna leggere le motivazioni ma ricorreremo in Cassazione". 

Condannati in sette, il "terremoto" politico regionale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maurizio Bucci si è dimesso

TriestePrima è in caricamento